Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 14211 del 24/05/2021

Cassazione civile sez. VI, 24/05/2021, (ud. 24/02/2021, dep. 24/05/2021), n.14211

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MOCCI Mauro – Presidente –

Dott. CONTI Roberto Giovanni – Consigliere –

Dott. CAPRIOLI Maura – Consigliere –

Dott. DELLI PRISCOLI Lorenzo – Consigliere –

Dott. CAPOZZI Raffaele – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 27148-2019 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE (OMISSIS), in persona del Direttore pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e

difende, ope legis;

– ricorrente –

contro

ALTERGON ITALIA SRL, in persona del legale rappresentante pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, LARGO ANGELO FOCHETTI

29, presso lo studio PwC TLS AVVOCATI E COMMERCIALISTI,

rappresentata e difesa dall’avvocato MARIO DE BELLIS;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1641/5/2019 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE DELLA CAMPANIA, depositata il 22/02/2019;

udita la relazione della causa svolta nella camera di Consiglio non

partecipata del 24/02/2021 dal Consigliere Relatore Dott. CAPOZZI

RAFFAELE.

 

Fatto

RILEVATO

che l’Agenzia delle entrate propone ricorso per cassazione nei confronti di una sentenza CTR Campania, sezione staccata di Salerno, che ha respinto l’appello proposto avverso una sentenza CTP Avellino, di accoglimento del ricorso della contribuente s.r.l. “ALTERGON ITALIA” avverso avviso accertamento IRES, IRAP ed IVA 2010; entrambi i giudici di merito hanno preliminarmente ritenuto nullo l’avviso di accertamento impugnato, per non avere l’ufficio valutato le ragioni fatte valere dalla società contribuente con memoria regolarmente depositata, ai sensi della L. n. 212 del 2000, art. 12, comma 7, entro il termine dilatorio di gg. 60 dalla notifica del pvc, posto a fondamento dell’avviso di accertamento impugnato.

Diritto

CONSIDERATO

che il ricorso è affidato ad un unico motivo, con il quale l’Agenzia delle entrate lamenta violazione e falsa applicazione L. n. 212 del 2000, art. 12, comma 7, e D.P.R. n. 600 del 1973, art. 42, commi 2 e 3, in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, in quanto erroneamente l’avviso di accertamento impugnato era stato ritenuto nullo per una supposta violazione L. n. 212 del 2000, art. 12, comma 7; invero il D.P.R. n. 600 del 1973, art. 43, commi 2 e 3, che elencava i casi di nullità dell’avviso di accertamento per difetto di motivazione, non faceva alcun riferimento all’obbligo di valutare le osservazioni formulate dal contribuente in sede di notifica del pvc; la L. n. 212 del 2000, art. 12, comma 7, aveva inteso salvaguardare il principio della cooperazione fra l’amministrazione finanziaria ed il contribuente, consentendo a quest’ultimo di presentare osservazioni all’ufficio, le quali avrebbero potuto essere valutate nel corso dell’attività accertativa, senza alcun obbligo per l’ufficio di menzionare tali valutazioni nell’atto di accertamento;

che la società contribuente si è costituita con controricorso;

che l’unico motivo di ricorso proposto dall’Agenzia delle entrate è fondato;

che, invero, la giurisprudenza di legittimità (cfr. Cass. n. 13613 del 2019; Cass. n. 8378 del 2017; Cass. n. 3583 del 2016; Cass. n. 16036 del 2015) è concorde nel ritenere che, in tema di imposte sui redditi e sul valore aggiunto, è valido l’avviso di accertamento che non menzioni le osservazioni formulate dal contribuente in sede di notifica di un pvc, L. n. 212 del 2000 ex art. 12, comma 7; invero la nullità di un avviso di accertamento consegue solo alle irregolarità per le quali detta sanzione sia espressamente prevista dalla legge; il che non è dato rinvenire nella specie; detta nullità può farsi conseguire solo ad irregolarità da cui derivi una lesione di specifici diritti o garanzie riconosciute al contribuente di così grave entità da impedire la produzione di ogni effetto per il contribuente; ma neanche tale ipotesi è rinvenibile nella specie; va inoltre ritenuto che l’amministrazione finanziaria ha certamente l’obbligo di valutare le osservazioni formulate dal contribuente in sede di notifica di un pvc, ma non ha l’obbligo di esplicitare dette valutazioni nell’atto impositivo, come erroneamente ritenuto dalla sentenza impugnata;

che appare fuorviante il richiamo fatto dalla CTR ad un precedente di questa Corte di legittimità, che avrebbe avallato la decisione adottata; invero l’ordinanza richiamata (Cass. n. 17210 del 2018) ha ad oggetto una fattispecie diversa, riferita ad un’ipotesi in cui la stessa amministrazione aveva espressamente ammesso di non avere valutato le memorie presentate dal contribuente; al contrario, nella specie in esame, la CTR ha dato atto che l’amministrazione finanziaria aveva dichiarato di avere valutato le osservazioni formulate dalla società contribuente in sede di notifica del pvc, censurando unicamente ed in modo erroneo la mancata esplicitazione di dette valutazioni;

che il ricorso in esame va pertanto accolto; la sentenza impugnata va cassata e gli atti rimessi alla CTR della Campania, sezione staccata di Salerno, in diversa composizione, anche per la determinazione delle spese del presente giudizio di legittimità.

PQM

La Corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia alla CTR della Campania, sezione staccata di Salerno, in diversa composizione, anche per la determinazione delle spese del presente giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, il 24 febbraio 2021.

Depositato in Cancelleria il 24 maggio 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA