Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 14186 del 12/06/2010

Cassazione civile sez. II, 12/06/2010, (ud. 19/02/2010, dep. 12/06/2010), n.14186

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SETTIMJ Giovanni – Presidente –

Dott. PETITTI Stefano – Consigliere –

Dott. PARZIALE Ippolisto – Consigliere –

Dott. D’ASCOLA Pasquale – Consigliere –

Dott. DE CHIARA Carlo – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 21475-2007 proposto da:

D.R.V., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

COSSERIA 5, presso lo studio dell’avvocato LOBINA PAUDICE MARIA

GRAZIA, che la rappresenta e difende unitamente agli avvocati

PREVITERA MARIA RACHELE, BELFIORE CORRADO, giusta mandato a margine

del ricorso;

– ricorrente –

contro

P.C., B.O., elettivamente domiciliati in

ROMA, VIA BOEZIO N. 14, presso lo studio dell’avvocato LIBERTINI

MARIO, che li rappresenta e difende, giusta procura a margine del

ricorso;

– controricorrenti –

e contro

G.P.L., G.P.G.;

– intimate –

avverso la sentenza n. 99/2007 della CORTE D’APPELLO di CATANIA del

29/11/06, depositata il 27/01/2007;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

19/02/2010 dal Consigliere Relatore Dott. CARLO DE CHIARA;

udito l’Avvocato Lobina Paudice Maria Grazia, difensore della

ricorrente che ha chiesto l’accoglimento del ricorso;

è presente il P.G. in persona del Dott. GIAMPAOLO LECCISI che

conferma la relazione scritta.

 

Fatto

PREMESSO IN FATTO

che con la sentenza indicata in epigrafe la Corte di appello di Catania ha, in particolare, accolto l’appello incidentale dei sigg.

P.C. e B.O. avverso la sentenza di primo grado e rigettato, pertanto, la domanda di retratto successorio di un fondo rustico proposta dalla sig.ra D.R.V.;

che la Corte di merito ha in proposito premesso, in diritto, che l’art. 732 c.c. si applica soltanto agli atti di alienazione della quota ereditaria o parte di essa, e non di singoli cespiti ereditari, e ha quindi osservato, in fatto, che nella specie le parti avevano inteso concludere la vendita di un singolo cespite, non di una quota ereditaria, atteso che nell’asse rientravano anche altri cespiti (la proprietà di 1/8 di un vano aggrottato e di una casa, nonchè alcuni depositi bancari di importo non rilevante) i quali, pur essendo singolarmente di non rilevante valore, tuttavia concorrevano a determinare l’asse ereditario anche in considerazione del loro valore complessivo, raffrontato al valore del fondo oggetto della controversia; che la sig.ra D.R. ha quindi proposto ricorso per cassazione per un solo, complesso motivo, con cui denuncia violazione dell’art. 732 c.c. e vizio di motivazione;

che i sigg. P. e B. hanno resistito con controricorso;

che, con relazione ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c..

ritualmente comunicata, il Consigliere relatore ha ipotizzato l’inammissibilità del ricorso per difetto del quesito di diritto e della chiara indicazione del fatto controverso, ai sensi dell’art. 366 bis c.p.c.;

che la ricorrente ha replicato con memoria.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che indubbiamente il ricorso non contiene rituale formulazione del quesito di diritto previsto dalla norma codicistica, essendo questo formulato in termini assolutamente generici (“Accerti la Corte se vi è stata falsa applicazione dell’art. 732 c.c.”);

che, invece, non può dirsi carente, sotto il profilo del richiamato art. 366 bis c.p.c., la formulazione della censura di vizio di motivazione, essendo sufficientemente chiaro che il fatto controverso, cui si riferisce il vizio, è costituito dall’oggetto della vendita divisato dalle parti (un bene determinato piuttosto che una quota ereditaria), e che le ragioni del vizio consistono in ciò, che la Corte di appello non ha condotto l’indagine sui beni ereditari e sulla volontà delle parti ed ha omesso di indicare su quali basi abbia ritenuto di escludere che la vendita del fondo fosse da considerare come vendita di una quota ereditaria;

che tuttavia detta censura è inammissibile per altre ragioni, ossia perchè la Corte di appello ha invece motivato sul punto in discussione nei termini sopra riferiti nella narrativa in fatto, e perchè la pretesa della ricorrente di dare preponderante rilievo alla circostanza che, mentre il fondo alienato era di proprietà esclusiva del de cuius (sig.ra D.R.G.), gli altri beni ereditari menzionati dalla Corte di appello erano in comproprietà con terzi ed avevano scarso valore, o che la vendita era stata realizzata con più atti notarili distinti, rogati a distanza di tempo l’uno dall’altro, rimanda, a tutta evidenza, a una inammissibile rivisitazione del merito delle valutazioni compiute dal giudice di secondo grado;

che pertanto il ricorso va respinto, con condanna della soccombente alle spese del giudizio di legittimità, liquidate in dispositivo, in favore dei controricorrenti.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento delle spese processuali, liquidate in Euro 2.700,00, di cui 2.500,00 per onorari, oltre spese generali ed accessori di legge, in favore dei controricorrenti in solido.

Così deciso in Roma, il 19 febbraio 2010.

Depositato in Cancelleria il 12 giugno 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA