Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 14128 del 11/06/2010

Cassazione civile sez. un., 11/06/2010, (ud. 20/04/2010, dep. 11/06/2010), n.14128

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONI UNITE CIVILI

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VITTORIA Paolo – Primo Presidente f.f. –

Dott. PAPA Enrico – Presidente di Sezione –

Dott. D’ALONZO Michele – Consigliere –

Dott. FIORETTI Francesco Maria – Consigliere –

Dott. GOLDONI Umberto – Consigliere –

Dott. FORTE Fabrizio – Consigliere –

Dott. CURCURUTO Filippo – Consigliere –

Dott. MORCAVALLO Ulpiano – Consigliere –

Dott. SPIRITO Angelo – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 6345-2009 proposto da:

AZIENDA UNITA’ SANITARIA LOCALE DI PESCARA – GESTIONE STRALCIO

((OMISSIS)), in persona del Direttore generale pro tempore,

elettivamente domiciliata in ROMA, VIALE MAZZINI 6, presso lo studio

dell’avvocato CIPRIETTI SABATINO, che la rappresenta e difende, per

delega a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

V.T. ((OMISSIS)), elettivamente domiciliato

in ROMA, VIA DELLA BALDUINA 7, presso lo studio dell’avvocato TROVATO

CONCETTA M. RITA, rappresentato e difeso dall’avvocato DE GREGORIO

CLAUDIO, per delega a margine del controricorso;

– controricorrente –

e contro

D.L.F., M.M., D.M.,

I.L., D.F., D.E.,

D.P.;

– intimati –

avverso la sentenza n. 14/2008 della CORTE D’APPELLO di L’AQUILA,

depositata il 22/01/2008;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

20/04/2010 dal Consigliere Dott. ANGELO SPIRITO;

udito l’Avvocato Claudio DE GREGORIO;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

DESTRO Carlo, che ha concluso per il rigetto del primo motivo,

assorbito il secondo.

La Corte:

letto il ricorso proposto dall’Azienda Unità Sanitaria Locale di

Pescara per la cassazione della sentenza resa dalla Corte d’appello

di L’Aquila in data 22 gennaio 2008, nonchè il controricorso del

V. e la memoria della stessa ricorrente.

 

Fatto

RILEVA

la sentenza impugnata, riformando la prima sentenza, ha dichiarato il difetto di giurisdizione in ordine alle domande reciprocamente proposte tra la ASL ed il V.;

che il ricorso della ASL è svolto in due motivi attraverso i quali si sostiene che il giudice d’appello non avrebbe potuto statuire in ordine alla giurisdizione, in quanto in merito ad essa s’era formato il giudicato; giudicato consistente nell’affermazione (non impugnata) contenuta nella prima sentenza, secondo cui l’eccezione di giurisdizione era già stata implicitamente respinta dal Tribunale in sede collegiale nel momento in cui aveva ritenuto necessaria acquisire la sentenza penale d’appello resa nel processo a carico del V..

Diritto

OSSERVA

il ricorso è infondato, in quanto la prima sentenza esplicitamente statuiva sulla giurisdizione con l’affermazione: “Nè maggior fondamento ha l’eccezione di difetto di giurisdizione vertendosi nella fattispecie in tema di controversia avente ad oggetto un risarcimento di danni …”. La successiva affermazione relativa all’implicito rigetto contenuto nell’ordinanza collegiale aveva una mera efficacia corroborante rispetto alla precedente;

la specifica impugnazione, da parte del V., in ordine alla giurisdizione ha impedito la formazione del giudicato sul punto;

il ricorso deve essere, pertanto, respinto, con condanna della ricorrente a rivalere la controparte delle spese sopportate nel giudizio di cassazione.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di cassazione, che liquida in complessivi Euro 5200,00, di cui Euro 200,00 per spese, oltre spese generali ed accessori di legge.

Così deciso in Roma, il 20 aprile 2010.

Depositato in Cancelleria il 11 giugno 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA