Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 14093 del 27/06/2011

Cassazione civile sez. III, 27/06/2011, (ud. 05/05/2011, dep. 27/06/2011), n.14093

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MORELLI Mario Rosario – Presidente –

Dott. UCCELLA Fulvio – Consigliere –

Dott. SPAGNA MUSSO Bruno – rel. Consigliere –

Dott. SPIRITO Angelo – Consigliere –

Dott. LANZILLO Raffaella – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 11993-2009 proposto da:

F.C. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in

ROMA, VIA I. NIEVO 61, presso lo studio dell’avvocato MAZZOCCO ENNIO,

che lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato DE ANGELIS

DOMENICO giusta delega a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

BANCA GENERALI S.P.A. (OMISSIS) in persona dell’amministratore

delegato, legale rappresentante pro tempore Dott. G.G.,

elettivamente domiciliata in ROMA, V. PACUVIO 34, presso lo studio

dell’avvocato ROMANELLI GUIDO, che la rappresenta e difende

unitamente all’avvocato FABRIZIO BARBIERI giusta delega in calce al

controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 260/2008 della CORTE D’APPELLO di CAMPOBASSO,

emessa il 07/10/2008, depositata il 18/10/2008 R.G.N. 377/2006;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

05/05/2011 dal Consigliere Dott. BRUNO SPAGNA MUSSO;

udito l’Avvocato PICCIANO MARIA GRAZIA (per delega Avv. MAZZOCCO

ENNIO);

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

RUSSO Libertino Alberto che ha concluso con l’inammissibilità o

rigetto del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con ricorso in data 14.11.1998 F.C. esponeva che: nei primi mesi dell’anno 1993 era stata contattata per investire valuta presso la Prime Consult s.p.a., la quale operava in Campobasso tramite l’agente rappresentante Gi.Al.; in adesione a tale proposta essa esponente aveva effettuato in data 8.5.1993 un versamento di L. 13.140.700, regolarmente quietanzato mediante apposizione del timbro della Prime Consult s.p.a. e sottoscritto dal Gi.; con lettera del 15.7.98 essa esponente aveva inutilmente chiesto alla Prime Consult ed al Gi. la restituzione di quanto dovuto.

Per l’effetto la F. chiedeva ingiungersi alla Prime Consult s.p.a. ed a Gi.Al. il pagamento, con il vincolo della solidarietà, della somma suddetta, oltre interessi e rivalutazione monetaria nella misura legale, alla data di messa in mora fino al saldo, con vittoria delle spese di lite. Il provvedimento monitorio veniva emesso in data 24.11.1998 secondo le richieste della ricorrente, con esclusione della sola rivalutazione monetaria.

Contro tale decreto ingiuntivo, iscritto al n. 474/1999 e notificato alla Prime Consult s.p.a. in data 2.12.1998, dispiegava opposizione la Prime Consult s.p.a. con atto di citazione notificato alla controparte in data 2.1.1999. Costituitasi la convenuta, e riassunto il giudizio a seguito dell’intervenuta incorporazione della Prime Consult da parte della Banca Generali, a sua volta costituitasi, il Tribunale, con sentenza in data 27.4.2006, accoglieva l’opposizione.

A seguito degli appelli della F., in via principale e della Banca Generali, in via incidentale, nonchè contumace Gi.Al.

quale terzo chiamato in manleva, la Corte d’Appello di Campobasso, con la decisione in esame n. 260 depositata in data 18.10.2008, rigettava i gravami. Affermava in particolare la Corte territoriale che, avendo la F., opposta nel giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo, l’onere di provare il fatto costitutivo del credito in questione, non avesse fornito adeguata prova. Ricorre per cassazione la F., con un unico motivo e relativo quesito di diritto.

Resiste con controricorso Banca Generali.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con l’unico motivo di ricorso si deduce difetto di motivazione in ordine alle risultanze probatorie. Nel controricorso si deduce l’inammissibilità del motivo ex art. 366 bis c.p.c..

Preliminarmente deve rilevarsi che infondata è l’eccezione di inammissibilità del ricorso risultando sia dalla formulazione del motivo che dal relativo quesito l’oggetto della questione sottoposta nella presente sede.

Il ricorso non merita accoglimento: a parte la considerazione che la Corte territoriale ha logicamente e sufficientemente motivato, in ordine al rigetto della domanda della F., affermando che sia la prova testimoniale che quella documentale (non prodotta, mancando in atti il fascicolo della parte ricorrente in sede monitoria) non hanno fornito elementi certi per ritenere sussistente il credito in questione, deve rilevarsi che, da un lato, la ricorrente tende a un non consentito riesame nella presente sede di legittimità di riscontri probatori, e, dall’altro, non indica quale dichiarazione testimoniale, se compiutamente considerata, avrebbe determinato una decisione diversa da quella impugnata.

Le spese seguono la soccombenza e si liquidano come in dispositivo.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese della presente fase che si liquidano in complessivi Euro 1.600,00 (di cui Euro 200,00 per esborsi), oltre spese generali ed accessorie come per legge.

Cosi 5 maggio 2011.

Depositato in Cancelleria il 27 giugno 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA