Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 14084 del 27/06/2011

Cassazione civile sez. III, 27/06/2011, (ud. 19/04/2011, dep. 27/06/2011), n.14084

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PETTI Giovanni Battista – Presidente –

Dott. CHIARINI Maria Margherita – Consigliere –

Dott. SPIRITO Angelo – Consigliere –

Dott. ARMANO Uliana – rel. Consigliere –

Dott. LANZILLO Raffaella – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 14735-2009 proposto da:

ABACO S.R.L. (OMISSIS) in persona del legale rappresentante p.t.

Sig. A.V., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA G.

NICOTERA 29 SCALA Vili, presso lo studio dell’avvocato CATELLI MARCO,

che la rappresenta e difende giusta delega a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

AUTOTRASPORTI SCARDINO GIUSEPPE (OMISSIS);

– intimato –

avverso la sentenza n. 204/2008 del TRIBUNALE di VERCELLI, emessa il

29/4/2008, depositata il 30/04/2008, R.G.N. 44/2007;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

19/04/2011 dal Consigliere Dott. ULIANA ARMANO;

udito l’Avvocato MARCO CATELLI;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

SCARDACCIONE Eduardo Vittorio che ha concluso per il rigetto.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

La Abaco s.r.l propone ricorso per cassazione avverso la sentenza del Tribunale di Vercelli del 30-4-2008, di conferma della sentenza di primo grado, che ha rigettato l’opposizione a decreto ingiuntivo proposta dalla Abaco s.r.l. avente ad oggetto il pagamento del saldo delle prestazioni di trasporto di merce eseguite dalla Ditta Autotrasporti Scardino. Per quello che ancora interessa, il Tribunale di Vercelli ha ritenuto la questione relativa a quale termine di prescrizione applicare, quello annuale, come sostenuto dalla Abaco, in forza dell’art. 2951 c.c. o quello quinquennale applicato dal giudice di primo grado, secondo la normativa introdotta dalla L. n. 162 del 1993, art. 2 era superata dalla interruzione della prescrizione a seguito di lettera di messa in mora del 23.9.2002 inviata dalla Autotrasporti Scardino Giuseppe. Ha ritenuto che oggetto del decreto ingiuntivo sono solo crediti divenuti esigibili successivamente al 23.9.2001 e di conseguenza, sia a voler applicare il termine breve di prescrizione sia a voler applicare quello quinquennale, i essi non risultano prescritti.

Il ricorso contiene due motivi.

Non si difende l’Autotrasporti Scardino.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

1. Con il primo motivo viene denunziata violazione legge in relazione agli art. 2951 c.c. e L. n. 1621 del 1960, art. 32 e omessa e insufficiente o contraddittoria motivazione, per aver il giudice di appello erroneamente applicato le norme sulla prescrizione.

Il motivo si chiude con il seguente quesito di diritto:accerti la Corte se in caso di trasporti terresti di cose effettuati tra il novembre 2001 ed il gennaio 2002 al di fuori del territorio nazionale debba essere applicato il termine di prescrizione annuale sancito all’art. 2951 c.c. e alla L. n. 1621 del 1960, art. 32 o la L. n. 162 del 1993, art. 2 che stabilisce un termine di prescrizione quinquennale; in ogni caso indichi la normativa alla quale il giudice di merito avrebbe dovuto attenersi.

2. Il motivo è inammissibile in quanto non congruente con la ratio decidendi della sentenza impugnata.

Infatti i giudici di appello hanno rilevato che a seguito dell’interruzione del termine di prescrizione da parte della Ditta Scardino, il credito non era prescritto sia in relazione al termine di prescrizione annuale che a quello quinquennale.

Con il motivo di ricorso, si chiede l’accertamento della normativa in tema di prescrizione applicabile al contratto di trasporto in oggetto, senza alcuna censura sulla ritenuta irrilevanza di tale accertamento, avendo i giudici di merito ritenuti non prescritti i crediti in relazione ad entrambi i termini di prescrizione.

Inoltre il quesito di diritto ha una formulazione plurima che costituisce di per sè stessa un motivo di inammissibilità.

3. Con il secondo motivo si denunzia violazione o falsa applicazione in relazione all’art. 360 c.p.c., n. 5 degli artt. 116 e 115 c.p.c. chiedendo a questa Corte “se dall’esame dei documenti prodotti in atti risulti interrotto o meno il termine decadenziale imposto dal legislatore”.

4. Il Motivo è inammissibile in quanto viene dedotto come vizio di motivazione un errore nel calcolo della prescrizione, denunziabile solo con error in iudicando.

Il ricorso deve dichiararsi inammissibile.

Nulla per le spese del giudizio di cassazione non essendosi difesa la ditta Autotrasporti Scardino.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso. Nulla per le spese.

Così deciso in Roma, il 19 aprile 2011.

Depositato in Cancelleria il 27 giugno 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA