Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 14050 del 27/06/2011

Cassazione civile sez. trib., 27/06/2011, (ud. 17/05/2011, dep. 27/06/2011), n.14050

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PIVETTI Marco – rel. Presidente –

Dott. FERRARA Ettore – Consigliere –

Dott. VIRGILIO Biagio – Consigliere –

Dott. CIRILLO Ettore – Consigliere –

Dott. TERRUSI Francesco – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

“CANIO TRISTANO COSTRUZIONI DI TRISTANO ANTONIO & C. SNC”, in

persona

del legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliato in

ROMA PIAZZA MAZZINI 27, presso lo studio dell’avvocato DI GIOIA

GIOVANNI, rappresentato e difeso dall’avvocato PAPA RENATO, giusta

delega a margine;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE UFFICIO DI (OMISSIS) in persona del Direttore

pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e

difende ope legis;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 83/2006 della COMM. TRIB. REG. di MILANO,

depositata il 03/08/2006;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

17/05/2011 dal Presidente e Relatore Dott. MARCO PIVETTI;

udito per il resistente l’Avvocato ZERMAN, che ha chiesto il rigetto;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

BASILE Tommaso, che ha concluso per l’inammissibilità del ricorso in

subordine rigetto.

Fatto

OSSERVA

MOTIVAZIONE:

La sentenza impugnata è stata pronunziata dalla Commissione tributaria regionale di Milano il 19 giugno 2006 ed è stata depositata il successivo 3 agosto. Con essa è stato respinto il ricorso della Canio Tristano Costruzioni di Tristano Antonio e C snc avverso l’avviso di rettifica IVA 1997 n. 800326/02. Al ricorso per cassazione della società contribuente trovava quindi applicazione l’art. 366 bis cod. proc. civ.. Il ricorso stesso prospetta due motivi di censura: il primo denunzia violazione di legge ed è totalmente privo del prescritto quesito di diritto. Il secondo lamenta carenza e contraddittorietà della motivazione ma è privo della chiara e specifica indicazione del fatto controverso in ordine all’accertamento del quale si assume che la motivazione sia carente.

P.Q.M.

– Dichiara inammissibile il ricorso;

– condanna la parte ricorrente alle spese del giudizio di legittimità liquidate in complessivi Euro 1.500,00 oltre le prenotazioni a debito.

Così deciso in Roma, il 17 maggio 2011.

Depositato in Cancelleria il 27 giugno 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA