Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 14039 del 06/06/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 06/06/2017, (ud. 23/03/2017, dep.06/06/2017),  n. 14039

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE L

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CURZIO Pietro – Presidente –

Dott. ARIENZO Rosa – Consigliere –

Dott. FERNANDES Giulio – rel. Consigliere –

Dott. GHINOY Paola – Consigliere –

Dott. MANCINO Rossana – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 10598/2015 proposto da:

C.L.M., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEL

MASCHERINO 72, presso lo studio dell’avvocato ANTONELLA PETRILLI,

che la rappresenta e difende giusta procura a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

INAIL – ISTITUTO NAZIONELA PER L’ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI

SUL LAVORO, in persona del Dirigente con incarico di livello

generale, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA IV NOVEMBRE 144,

presso lo studio dell’avvocato LUCIANA ROMEO, che lo rappresenta e

difende unitamente all’avvocato LETIZIA GRIPPA giusta procura in

calce al controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 355/2014 della CORTE D’APPELLO di GENOVA,

depositata il 15/10/2014;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non

partecipata del 23/03/2017 dal Consigliere Dott. GIULIO FERNANDES.

Fatto

RILEVATO

che, con sentenza del 15 ottobre 2015, la Corte di Appello di Genova confermava la decisione del Tribunale in sede di rigetto della domanda proposta da C.L.M. nei confronti dell’INAIL (quale successore ex lege dell’IPSEMA) ed intesa ad ottenere l’indennizzo in capitale in misura pari all’11% dei postumi derivati dall’infortunio sul lavoro occorsole il (OMISSIS), l’indennità per inabilità temporanea assoluta sino a tutto il 12 giugno 2011, in aggiunta a quella liquidata sino al 31 maggio 2010 dall’istituto, l’indennità per inidoneità alla navigazione per il periodo dal 13 giugno 2010 al 3 novembre 2011 ed il rimborso delle spese mediche e di viaggio;

che per la cassazione di tale decisione propone ricorso la C. affidato a due motivi cui l’INAIL resiste con controricorso;

che è stata depositata la proposta del relatore, ai sensi dell’art. 380-bis c.p.c., ritualmente comunicata alle parti, unitamente al decreto di fissazione dell’adunanza in Camera di consiglio;

che il Collegio ha deliberato di adottare la motivazione semplificata.

Diritto

CONSIDERATO

che con il primo motivo di ricorso si deduce omesso esame circa un fatto decisivo per il giudizio che è stato oggetto di discussione tra le parti (in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5) per avere la Corte di Appello omesso di considerare: che le lesioni cartilaginee acute sono inizialmente misconosciute o scambiate per lesioni meniscali o del corpo di Hoffa e non risultano inizialmente presenti anche all’esito di esami sofisticati, quali la RNM e ciò spiega perchè non furono evidenziate dalla RNM cui venne sottoposta la C. il (OMISSIS); che dette lesioni non vanno trattate immediatamente, soprattutto nelle persone giovani, ma richiedono di un periodo di osservazione di almeno sei mesi e che il ritardato intervento artroscopico era dipeso “dai noti aspetti traumatici della procedura, nonchè dagli elevati costi per il SSN”; che il SASN (Servizio Assistenza Sanitaria Naviganti) di Roma e dalla Commissione medica permanente di 1^ grado avevano riconosciuto la sussistenza del nesso di causalità tra l’infortunio patito dalla ricorrente e la lesione osteocondrale fratturativa post-traumatica del condilo e troclea femorale ginocchio sinistro;

che, con il secondo motivo, viene dedotta violazione e falsa applicazione del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81, art. 11, comma 5 bis e art. 38 Cost. (in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3) per avere il giudice del gravame erroneamente rigettato la richiesta di rimborso delle spese mediche sia di quelle anteriori e successive direttamente connesse all’intervento chirurgico (sul rilievo che le medesime non trovavano causa nell’infortunio) che di quelle sostenute nel periodo di inabilità temporanea assoluta trattandosi di prestazioni fornite dal SSN e non ricorrendo le condizioni previste dal D.Lgs. n. 81 del 2008, art. 11, comma 5 bis (la necessarietà delle stesse) ragion per cui esse erano la conseguenza della personale decisione della C. di ricorrere alle cure di uno specialista di sua fiducia; ed infatti, la “necessarietà” di dette spese era stata riconosciuta dal SASN – organo dell’IPSEN1A e, quindi, a quest’ultimo opponibile quale successore ex lege dell’IPSEMA – e non era stata mai specificamente contestata dall’INAIL e, comunque, esse andavano riconosciute alla luce della circolare n. 62 emanata dall’INAIL il 13 novembre 2012 con riferimento al D.Lgs. n. 81 del 2008, art. 11, comma 5 bis (per la quale l’istituto doveva tenere indenne gli infortunati ed i tecnopatici dalle spese connesse alle prestazioni curative necessarie al recupero dell’integrità psicofisica se ritenute necessarie dai medici dell’INAIL); che il primo motivo è inammissibile in quanto, pur con una intitolazione conforme al testo di cui all’art. 360 c.p.c., n. 5, nella formulazione disposta dal D.L. n. 83 del 2012, art. 54, comma 1, lett. b), convertito in L. n. 134 del 2012, in realtà, finisce con il criticare la sufficienza del ragionamento logico posto alla base dell’interpretazione di determinati atti del processo, e dunque un caratteristico vizio motivazionale che, in quanto tale, non è più censurabile (si veda Cass., S.U., n. 8053/14 secondo cui il controllo della motivazione è ora confinato sub specie nullitatis, in relazione dell’art. 360 c.p.c., n. 4, il quale, a sua volta, ricorre solo nel caso di una sostanziale carenza del requisito di cui all’art. 132 c.p.c., n. 4, esclusa qualunque rilevanza del semplice difetto di sufficienza della motivazione); ed infatti, l’omesso esame deve riguardare un fatto inteso nella sua accezione storico-fenomenica (e quindi non un punto o un profilo giuridico), un fatto principale o primario (ossia costitutivo, impeditivo, estintivo o modificativo del diritto azionato) o secondario (cioè un fatto dedotto in funzione probatoria) e tuttavia il riferimento al fatto secondario non implica – e la citata sentenza n. 8053 delle S.U. lo precisa chiaramente – che possa denunciarsi ex art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5, anche l’omessa o carente valutazione di determinati elementi probatori essendo sufficiente che il fatto sia stato esaminato, senza che sia necessario che il giudice abbia dato conto di tutte le risultanze probatorie emerse all’esito dell’istruttoria come astrattamente rilevanti; che, invero, nel caso in esame, i fatti controversi da indagare (da non confondersi con la valutazione delle relative prove) sono stati manifestamente presi in esame dalla consulenza tecnica d’ufficio espletata ed alla quale la Corte territoriale ha aderito sicchè non può certo trattarsi di omesso esame, ma di accoglimento di una tesi diversa da quella sostenuta dalla ricorrente; peraltro, nell’impugnata sentenza sono state esposte in modo esaustivo le ragioni per le quali la Corte ha ritenuto che le lesioni che avevano richiesto l’intervento chirurgico del (OMISSIS) erano conseguenza dei processi degenerativi degli esiti di un intervento artroscopico di meniscectomia parziale cui la C. era stata sottoposta a seguito di altro infortunio sul lavoro patito nel (OMISSIS) (per il quale già godeva di rendita) e non erano conciliabili neppure cronologicamente, per la gravità e diffusività, con l’infortunio del (OMISSIS) e, certamente, le valutazioni operate dal SASN non possono essere ritenute vincolanti per il giudice;

che il secondo motivo è infondato in quanto la Corte ha escluso la ripetibilità delle spese ricollegabili all’intervento chirurgico del (OMISSIS) come logica conseguenza della affermata non riconducibilità di quest’ultimo, dal punto di vista eziologico, all’infortunio del (OMISSIS) e, del pari correttamente, ha ritenuto che le spese sostenute nel periodo di inabilità temporanea assoluta non erano ripetibili perchè non ricorreva alcuna delle condizioni previste dal D.Lgs. n. 81 del 2008, art. 11, comma 5 bis (e dalla circolare INAIL n. 62/2012) – non essendo state ritenute necessarie dai sanitari dell’INAIL, nè integrando cure non erogate dal SSN o prestazioni urgenti ed indifferibili alle quali il SSN non poteva far fronte con la necessaria tempestività – con una valutazione di merito non sindacabile in questa sede e rispettosa delle norme indicate come violate dalla ricorrente (peraltro, il SASN, contrariamente a quanto affermato in ricorso, non era affatto organo dell’IPSEMA ma è, tutt’ora, articolazione del Ministero della Salute);

che, dunque, il ricorso va rigettato;

che le spese del presente giudizio seguono la soccombenza e sono liquidate come da dispositivo in favore dell’INAIL;

che sussistono i presupposti per il versamento, da parte della ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato, previsto dal D.P.R. 30 maggio, art. 13, comma 1 quater, introdotto dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, art. 1, comma 17 (legge di stabilità 2013) trovando tale disposizione applicazione ai procedimenti iniziati in data successiva al 30 gennaio 2013, quale quello in esame.

PQM

 

La Corte, rigetta il ricorso e condanna la ricorrente alle spese del presente giudizio liquidate in Euro 200,00 per esborsi, Euro 2.500,00 per compensi professionali, oltre rimborso spese forfetario nella misura del 15%.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento da parte della ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Motivazione semplificata.

Così deciso in Roma, il 23 marzo 2017.

Depositato in Cancelleria il 6 giugno 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA