Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 1403 del 19/01/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. 6 Num. 1403 Anno 2018
Presidente: DI VIRGILIO ROSA MARIA
Relatore: LAMORGESE ANTONIO PIETRO

ORDINANZA INTERLOCUTORIA
sul ricorso 10070-2017 proposto da:
ALI SHAFQAT, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA
ANTONIO GRAMSCI 24, presso lo studio dell’avvocato MARIA
STEFANIA MASINI, rappresentato e difeso dall’avvocato
STEFANO MANNIRONI;
– ricorrente contro
MINISTERO DELL’INTERNO 80185690585;
– intimato avverso la sentenza n. 105/2017 della CORTE D’APPELLO di
CAGLIARI, depositata il 20/02/2017;
udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio
non partecipata del 05/12/2017 dal Consigliere Dott. ANTONIO
PIETRO LAMORGESE.

Premesso che la Corte d’appello di Cagliari, con sentenza del
20 febbraio 2017, ha rigettato il gravame di Ali Shafquat,
cittadino pakistano, avverso l’impugnata sentenza che aveva

Data pubblicazione: 19/01/2018

rigettato la sua domanda di riconoscimento della protezione
internazionale;
che egli aveva narrato di essere fuggito dal suo Paese di
origine perché aveva subito percosse, minacce e un tentativo
di omicidio da parte dei cugini di una ragazza, appartenente ad

relazione sentimentale;
che la Corte ha ritenuto l’insussistenza di atti di persecuzione
nei suoi confronti, di un pericolo di danno grave in caso di
rientro nel suo paese di origine e dei presupposti per il
riconoscimento della protezione per ragioni umanitarie, avendo
ritenuto che nel Pakistan (in particolare nella zona del Punjab)
non fosse in corso un conflitto armato interno;
che avverso questa sentenza l’interessato ha proposto
ricorso per cassazione, affidato a nove motivi;
che il Ministero dell’interno non ha svolto attività difensiva.
Ritenuto che la causa non si presta ad essere trattata in
sede camerale, involgendo l’esame di questioni giuridiche
complesse.
P.Q.M.
Rinvia la causa alla pubblica udienza.
Roma, 5 dicembre 2017.

Il Presidente

una casta superiore alla sua, con la quale aveva instaurato una

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA