Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 14012 del 10/06/2010

Cassazione civile sez. II, 10/06/2010, (ud. 28/01/2010, dep. 10/06/2010), n.14012

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SETTIMJ Giovanni – Presidente –

Dott. PETITTI Stefano – Consigliere –

Dott. PARZIALE Ippolisto – Consigliere –

Dott. D’ASCOLA Pasquale – Consigliere –

Dott. GIUSTI Alberto – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

COMUNE DI MONASTIR, in persona del Sindaco pro-tempore, rappresentato

e difeso, in forza di procura speciale a margine del ricorso, dagli

Avv. Garau Guendalina e Falchi Gian Luigi, elettivamente domiciliato

nello studio di quest’ultimo in Roma, via Benozzo Gozzoli;

– ricorrente non diligente –

contro

M.P., rappresentato e difeso, in forza di procura speciale a

margine del controricorso, dagli Avv. Porru Antonio e Francesco

Marcello Paola, elettivamente domiciliato nello studio di

quest’ultimo in Roma, via del Babbuino, n. 48;

– controricorrente –

avverso la sentenza del Giudice di pace di Serramanna in data 15

aprile 2003.

Udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

28 gennaio 2010 dal Consigliere relatore Dott. Alberto Giusti;

lette le conclusioni scritte del Pubblico Ministero, in persona del

Sostituto Procuratore Generale Dott. Martone Antonio, che ha concluso

per l’improcedibilità del ricorso, conclusioni alle quali si è

riportato, in camera di consiglio, il Sostituto Procuratore Generale

Dott. Giampaolo Leccisi.

 

Fatto

FATTO E DIRITTO

Ritenuto che, per la cassazione della sentenza del Giudice di pace di Serramanna in data 15 aprile 2003 – con cui, accogliendosi l’opposizione di M.P., sono stati annullati i verbali di contestazione elevati dalla Polizia municipale di Monastir per violazione del codice della strada -, il Comune di Monastir ha proposto ricorso per cassazione, con atto notificato il 20 settembre 2003;

che l’intimato ha resistito con controricorso.

Considerato che, come risulta dalla pertinente certificazione della Cancelleria, il ricorrente non ha depositato il ricorso per cassazione;

che detto ricorso è stato depositato a cura del controricorrente in data 1 dicembre 2003, unitamente al controricorso notificato il 21 novembre 2003;

che il mancato deposito del ricorso nei termini di cui all’art. 369 cod. proc. civ. ne determina l’improcedibilità;

che le spese del giudizio di cassazione, liquidate come da dispositivo, vanno poste a carico di chi vi ha dato causa;

che, infatti, secondo la giurisprudenza di questa Corte (Sez. lav., 27 aprile 1990, n. 3514), il ricorrente, il cui ricorso sia dichiarato improcedibile, ai sensi dell’art. 369 cod. proc. civ., perchè non depositato entro il ventesimo giorno dalla sua notifica, è tenuto al pagamento delle spese del giudizio di cassazione in favore del resistente.

P.Q.M.

La Corte dichiara l’improcedibilità del ricorso e condanna il Comune ricorrente al rimborso delle spese processuali sostenute dal controricorrente, che liquida in complessivi Euro 600, di cui Euro 400 per onorari, oltre alle spese generali e agli accessori di legge.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Seconda Civile della Corte Suprema di Cassazione, il 28 gennaio 2010.

Depositato in Cancelleria il 10 giugno 2010

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA