Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 14001 del 07/07/2020

Cassazione civile sez. VI, 07/07/2020, (ud. 12/02/2020, dep. 07/07/2020), n.14001

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE L

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CURZIO Pietro – Presidente –

Dott. LEONE Maria Margherita – Consigliere –

Dott. RIVERSO Roberto – Consigliere –

Dott. MARCHESE Gabriella – rel. Consigliere –

Dott. DE FELICE Alfonsina – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 5447-2019 proposto da:

V.G., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA PANAMA

74, presso lo studio dell’avvocato IACOBELLI GIANNI EMILIO, che la

rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

POSTE ITALIANE SPA (OMISSIS), in persona del legale rappresentante

pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA LUIGI GIUSEPPE

FARAVELLI 22, presso lo studio dell’avvocato MARESCA ARTURO, che la

rappresenta e difende;

– controricorrente –

contro

KELLY SERVICES SPA;

– intimata –

avverso la sentenza n. 20390/2018 della CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

di ROMA, depositata il 01/08/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 12/02/2020 dal Consigliere Relatore Dott. MARCHESE

GABRIELLA.

Fatto

RILEVATO

Che:

Giuseppina Varchetta ha proposto ricorso ai sensi dell’art. 391-bis c.p.c. avverso la sentenza n. 20390 del 2018, con la quale la Corte di cassazione ha dichiarato inammissibile il ricorso ordinario per cassazione proposto dalla medesima Varchetta nei confronti di Poste Italiane S.p.A. e di Kelly Service S.p.A, per essere stato (il ricorso) notificato ben oltre il termine di giorni 60 dalla notificazione della sentenza impugnata;

dinanzi alla Corte di legittimità era stata impugnata la decisione della Corte di appello di Napoli n. 6844 del 2014 di rigetto dell’appello avverso la decisione di primo grado che, a sua volta, aveva respinto la domanda di V.G. di accertamento dell’illegittimità di un contratto di somministrazione di lavoro a termine e di costituzione di un rapporto a tempo indeterminato con l’utilizzatore (id est: Poste Italiane S.p.A.) ovvero (“in diversa ipotesi”) di accertamento della nullità dei termini apposti ai contratti stipulati con l’agenzia di somministrazione (id est: Kelly Services S.p.A.) e di costituzione di un rapporto a tempo indeterminato con quest’ultima, con ogni conseguenza di legge;

la Corte di cassazione, a fondamento del decisum, ha osservato come il ricorso fosse stato notificato a Poste Italiane S.p.a. il 7.4.2015, ben oltre il termine di cui all’art. 325 c.p.c., per essere stata la sentenza di appello notificata il 22.1.2015;

al giudizio di revocazione, articolato in un unico motivo, resiste Poste Italiane S.p.A.;

è rimasta intimata Kelly Services s.p.A.;

è stata depositata proposta ai sensi dell’art. 380-bis c.p.c., ritualmente comunicata alle parti unitamente al decreto di fissazione dell’adunanza in Camera di consiglio;

parte ricorrente e Poste Italiane spa hanno depositato memoria.

Diritto

CONSIDERATO

Che:

con l’unico motivo di ricorso è dedotto errore di fatto ai sensi degli artt. 391 bis e 395 n. 4 c.p.c., per aver la Corte supposto l’inesistenza di un fatto (id est: litisconsorzio necessario processuale tra Poste Italiane S.p.A. e Kelly Services S.p.A.) la cui esistenza, viceversa, emergeva incontrovertibilmente dagli atti di causa;

la censura si colloca del tutto al di fuori della logica del rimedio revocatorio che implica, ai fini della sua ammissibilità “un errore di fatto riconducibile all’art. 395 c.p.c., comma 1, n. 4 e che consiste in un errore di percezione, o in una mera svista materiale, che abbia indotto il giudice a supporre l’esistenza (o l’inesistenza) di un fatto decisivo, che risulti, invece, in modo incontestabile escluso (o accertato) in base agli atti e ai documenti di causa, sempre che tale fatto non abbia costituito oggetto di un punto controverso su cui il giudice si sia pronunciato. L’errore in questione presuppone, quindi, il contrasto fra due diverse rappresentazioni dello stesso fatto, delle quali una emerge dalla sentenza, l’altra dagli atti e documenti processuali, semprechè la realtà desumibile dalla sentenza sia frutto di supposizione e non di giudizio” (ex multis, Cass. n. 442 del 2018; Cass. n. 22171 del 2010);

l’errore indicato, in modo evidente, non riguarda la percezione di un “fatto” ma investe la stessa attività processuale del giudice di legittimità, al quale si imputa l’omessa valutazione di una situazione di litisconsorzio necessario processuale; il vizio denunciato esula, dunque, dal paradigma normativo dell’art. 395 c.p.c., comma 1, n. 4, per prospettare una questione che è di mero diritto e che riguarda la ritualità (o meno) di una pronuncia di inammissibilità dell’impugnazione, in presenza di una pluralità di parti, per la tardiva notificazione del ricorso ad una di esse;

in base alle svolte argomentazioni, il ricorso va, pertanto, dichiarato inammissibile;

le spese seguono la soccombenza e sono liquidate, in favore della parte controricorrente, come in dispositivo; in difetto di attività difensiva, nulla deve, invece, provvedersi nei confronti della società Kelly Services s.p.A.;

sussistono i presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per il ricorso, se dovuto.

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso. Condanna la ricorrente al pagamento, in favore della controricorrente, delle spese del giudizio di legittimità, che liquida in Euro 2.500,00 per compensi professionali, Euro 200,00 per esborsi oltre alle spese forfettarie nella misura del 15% ed agli accessori di legge.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1-quater, dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento da parte del ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis, se dovuto.

Così deciso in Roma, nell’adunanza camerale, il 12 febbraio 2020.

Depositato in Cancelleria il 7 luglio 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA