Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 13913 del 09/06/2010

Cassazione civile sez. I, 09/06/2010, (ud. 21/04/2010, dep. 09/06/2010), n.13913

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SALME’ Giuseppe – Presidente –

Dott. DI PALMA Salvatore – Consigliere –

Dott. ZANICHELLI Vittorio – rel. Consigliere –

Dott. SCHIRO’ Stefano – Consigliere –

Dott. DIDONE Antonio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

T.A., rappresentato e difeso dall’Avv. MARRA Alfonso

Luigi, domiciliato ex lege presso la cancelleria della Corte di

Cassazione in Roma;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA;

– intimato –

per la correzione dell’errore materiale della sentenza della Corte di

Cassazione n. 29505 del 17 dicembre 2008.

Udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

giorno 21 aprile 2010 dal Consigliere relatore Dott. Vittorio

Zanichelli.

 

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

T.A. ricorre per la correzione dell’errore materiale in cui sarebbe incorsa la sentenza in epigrafe.

La causa è stata assegnata alla Camera di consiglio in esito al deposito della relazione redatta dal Consigliere Dott. Luigi Salvato.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

La relazione in atti, pienamente condivisa dal Collegio, è del seguente letterale tenore:

“Rilevato che l’avv. Alfonso Luigi Marra, quale difensore di T.A., ha chiesto la correzione dell’errore materiale contenuto nella sentenza di questa Corte del 17 dicembre 2008, n. 29505, nel giudizio proposto nei confronti del Ministero della giustizia, nella parte in cui, nel dispositivo, reca quale nome del ricorrente T.C., condanna il Ministero della Giustizia a pagare a costei l’equa riparazione e le spese del giudizio; che l’intimata non ha svolto attività difensiva.

Osservato che il ricorso deve ritenersi ritualmente introdotto nei confronti del Ministero della giustizia, unica parte legittimata nel presente procedimento di correzione dell’errore materiale addotto;

che l’errore denunciato è emendabile con la procedura sollecitata apparendo palese il suo carattere materiale, tenuto conto della corretta indicazione nell’epigrafe e nella narrativa della sentenza di T.A., quale ricorrente;

che, in accoglimento del ricorso, la sentenza andrà pertanto corretta nel senso che nel dispositivo devesi leggere ” T. A.”, in luogo di ” T.C.”;

che non vi sarà luogo a provvedere sulle spese del presente procedimento, poichè il relativo provvedimento ha natura amministrativa, non giurisdizionale, mirando a rendere aderente la formula al contenuto della decisione, ponendo rimedio ad un errore solo formale, estraneo al decisum, in quanto determinato da una divergenza evidente e facilmente individuabile, che lascia immutata la conclusione adottata (Cass. n. 30075 del 2008)”.

Il ricorso deve dunque essere accolto e la sentenza corretta come in dispositivo.

P.Q.M.

la Corte accoglie il ricorso e dispone la correzione della sentenza n, 29505/08 nel senso che laddove è scritto nel dispositivo ” T.C.” debba invece leggersi ” T.A.”.

Così deciso in Roma, il 21 aprile 2010.

Depositato in Cancelleria il 9 giugno 2010

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA