Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 13903 del 01/06/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. III, 01/06/2017, (ud. 28/02/2017, dep.01/06/2017),  n. 13903

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CHIARINI Maria Margherita – Presidente –

Dott. FRASCA Raffaele – Consigliere –

Dott. RUBINO Lina – Consigliere –

Dott. BARRECA Giuseppina Luciana – rel. Consigliere –

Dott. TATANGELO Augusto – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 18813/2015 proposto da:

L.R., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA MONTE ZEBIO

37, presso lo studio dell’avvocato STEFANO D’URSO, che lo

rappresenta e difende giusta procura a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

PREFETTURA DI PERUGIA UFFICIO TERRITORIALE DEL GOVERNO, PREFETTURA DI

RIETI, EQUITALIA SUD SPA 11210661002;

– intimate –

avverso la sentenza n. 3169/2015 del TRIBUNALE di ROMA, depositata il

09/02/2015;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

28/02/2017 dal Consigliere Dott. GIUSEPPINA LUCIANA BARRECA;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

SOLDI Anna Maria, che ha concluso per il rinvio alle S.U. in

subordine accoglimento;

udito l’Avvocato STEFANO D’URSO.

Fatto

RILEVATO IN FATTO

che L.R. ha proposto ricorso per cassazione nei confronti della Prefettura di Perugia, della Prefettura di Rieti e di Equitalia Sud S.p.A.;

che queste ultime non si sono difese;

che il ricorso è fondato su un unico motivo, col quale il ricorrente, denunciando violazione dell’art. 615 c.p.c., si duole della qualificazione dell’azione come opposizione ad ordinanza ingiunzione effettuata dal giudice a quo, laddove – secondo la sua prospettazione – si sarebbe invece trattato di opposizione all’esecuzione ai sensi dell’art. 615 c.p.c..

Diritto

RITENUTO IN DIRITTO

che la questione – posta dal ricorso – della qualificazione, nei termini alternativi predetti, dell’azione avanzata per contestare l’omessa notificazione del verbale di accertamento della violazione del C.d.S., dopo l’emissione della cartella di pagamento, è stata rimessa alle Sezioni Unite di questa Corte con ordinanza interlocutoria n. 21957/16;

che, pertanto, la decisione del presente ricorso va rinviata in attesa della decisione delle Sezioni Unite sulla questione predetta.

PQM

 

rinvia a nuovo ruolo, mandando alla Cancelleria per la comunicazione della presente ordinanza.

Motivazione semplificata.

Così deciso in Roma, il28 febbraio 2017.

Depositato in Cancelleria il 1 giugno 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA