Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 13888 del 23/06/2011

Cassazione civile sez. VI, 23/06/2011, (ud. 19/05/2011, dep. 23/06/2011), n.13888

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. FINOCCHIARO Mario – rel. Presidente –

Dott. MASSERA Maurizio – Consigliere –

Dott. SEGRETO Antonio – Consigliere –

Dott. VIVALDI Roberta – Consigliere –

Dott. SPIRITO Angelo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso 6852-2010 proposto da:

G.T. (OMISSIS), elettivamente domiciliata in

ROMA, VIALE MAZZINI 134, presso lo studio dell’avvocato ZOFREA

ROSELLA, rappresentata e difesa dall’avvocato SCILLIA GIUSEPPE,

giusta procura in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE DOGANE (OMISSIS) in persona del Direttore legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

DEI PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la

rappresenta e difende, ope legis;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 738/2009 della CORTE D’APPELLO di CATANZARO

del 22.7.09, depositata il 03/10/2009;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

19/05/2011 dal Presidente Relatore Dott. FINOCCHIARO Mario;

E’ presente il Procuratore Generale in persona del Dott. SGROI

Carmelo.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO E MOTIVI DELLA DECISIONE

1. E’ stata depositata in cancelleria la seguente relazione, regolarmente comunicata al P.G. e notificata alle parti.

“Il relatore Cons. Urban Giancarlo, letti gli atti depositati osserva:

Con sentenza pubblicata il 3 ottobre 2009, la Corte d’ Appello di Catanzaro rigettava l’appello proposto avverso la sentenza del Tribunale di Lamezia Terme che aveva dichiarato inammissibile l’opposizione proposta da G.T. avverso l’ordinanza ingiunzione della Agenzia delle Dogane per il pagamento dell’importo di Euro 9.7636,70.

Propone ricorso per cassazione G.T. con 3 motivi.

E’ pregiudiziale l’esame della eccezione di inammissibilità del ricorso, sollevata dalla controricorrente Agenzia delle Dogane: la sentenza impugnata risulta notificata al difensore della G. in data 21 ottobre 2009, mentre il ricorso risulta notificato (peraltro in modo irrituale ali1 Avvocatura distrettuale dello Stato di Catanzaro e non già ali1 Avvocatura Generale) soltanto il 5 marzo 2010.

Il ricorso risulta quindi inammissibile”.

2. Il collegio condivide i motivi in fatto e diritto esposti nella relazione, in replica alla quale non sono state presentate memorie.

Il proposto ricorso, pertanto, deve essere dichiarato inammissibile con condanna della ricorrente al pagamento delle spese di questo giudizio di legittimità, liquidate come in dispositivo.P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso;

condanna la ricorrente al pagamento delle spese di questo giudizio di legittimità, liquidate in Euro 2.000,00 per onorari, oltre spese prenotate a debito e oltre spese generali e accessori come per legge.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della 6^ – 3 sezione civile della Corte di cassazione, il 19 maggio 2011.

Depositato in Cancelleria il 23 giugno 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA