Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 13798 del 20/05/2021

Cassazione civile sez. VI, 20/05/2021, (ud. 10/03/2021, dep. 20/05/2021), n.13798

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE L

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DORONZO Adriana – Presidente –

Dott. LEONE Margherita Maria – Consigliere –

Dott. PONTERIO Carla – Consigliere –

Dott. MARCHESE Gabriella – Consigliere –

Dott. DE FELICE Alfonsina – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA PER CORREZIONE ERRORE MATERIALE

sul ricorso 24117-2019 proposto da:

R.S., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DELLE

MILIZIE, 76, presso lo studio dell’avvocato STEFANIA SIMONETTI,

rappresentata e difesa dall’avvocato ELONA KERENGI;

– ricorrente –

contro

AZIENDA USL (OMISSIS), in persona del legale rappresentante pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, C.SO VITTORIO EMANUELE

II, 18, presso lo studio dell’avvocato MAURO MONTINI, (Studio Legale

Lessona), rappresentata e difesa dall’avvocato ALDO BARCAIOLI;

– controricorrente –

avverso l’ordinanza n. 14690/2019 della CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

di ROMA, depositata il 29/05/2019;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 10/03/2021 dal Consigliere Relatore Dott. ALFONSINA

DE FELICE.

 

Fatto

RILEVATO

che:

R.S. ha chiesto la correzione dell’errore materiale, ai sensi dell’art. 391 bis c.p.c., dell’ordinanza Cass. n. 14690 del 2019 la quale, nel riformare la sentenza della Corte d’appello di Firenze resa su un giudizio tra la stessa e l’Azienda sanitaria locale n. (OMISSIS) di (OMISSIS) (ora Azienda Usl (OMISSIS)) avente ad oggetto il riconoscimento dell’indennità contrattuale di coordinamento, avrebbe erroneamente rinviato la causa alla Corte d’Appello di Bologna;

l’Azienda Usl (OMISSIS) ha depositato controricorso; è stata depositata proposta ai sensi dell’art. 380-bis c.p.c., ritualmente comunicata alle parti unitamente al decreto di fissazione dell’adunanza in camera di consiglio.

Diritto

CONSIDERATO

che:

nelle more della decorrenza dei termini per la riassunzione le parti hanno spontaneamente provveduto a riassumere la causa alla Corte d’Appello di Bologna, e, pertanto, hanno dichiarato di rinunciare al giudizio intentato al fine di ottenere la correzione dell’errore materiale contenuto nell’ordinanza Cass. n. 14690 del 2019;

in definitiva, preso atto della rinuncia deve dichiararsi non luogo a provvedere sull’istanza di correzione ai sensi dell’art. 391 bis c.p.c.;

rilevato che dagli atti il processo risulta esente, non si applica il D.P.R. n. 115 del 2001, art. 13, comma 1 quater.

P.Q.M.

La Corte prende atto della rinuncia e dichiara non luogo a provvedere.

Così deciso in Roma, all’Adunanza camerale, il 10 marzo 2021.

Depositato in Cancelleria il 20 maggio 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA