Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 13790 del 09/06/2010

Cassazione civile sez. lav., 09/06/2010, (ud. 12/04/2010, dep. 09/06/2010), n.13790

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BATTIMIELLO Bruno – Presidente –

Dott. LAMORGESE Antonio – Consigliere –

Dott. LA TERZA Maura – Consigliere –

Dott. TOFFOLI Saverio – rel. Consigliere –

Dott. MAMMONE Giovanni – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso 15157/2009 proposto da:

INAIL – ISTITUTO NAZIONALE PER L’ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI

SUL LAVORO in persona del Dirigente con incarico di livello generale,

Direttore Reggente della Direzione Centrale Prestazioni,

elettivamente domiciliato in ROMA, VIA IV NOVEMBRE 144, presso la

Sede Legale dell’Istituto, rappresentato e difeso dagli avvocati

TARANTINO Cristofaro, ROSSI ANDREA, giusta procura speciale in calce

al ricorso per regolamento di competenza;

– ricorrente –

contro

GRAFTECH SPA in persona del legale rappresentante pro tempore,

elettivamente domiciliata in ROMA, VIA FLAMINIA 441, presso lo studio

dell’avvocato MARINI Paolo, che la rappresenta e difende unitamente

all’avvocato ALDO AMBROSIANO, giusta procura alle liti in calce alla

memoria difensiva;

– resistente –

avverso l’ordinanza n. R.G. 2433/07 del TRIBUNALE di BRESCIA, del

28/05/2009;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

12/04/2010 dal Consigliere Relatore Dott. SAVERIO TOFFOLI;

udito per la resistente l’Avvocato Paolo Marini che si riporta agli

scritti.

E’ presente il P.G. in persona del Dott. MAURIZIO VELARDI che

condivide le conclusioni scritte.

 

Fatto

MOTIVI

La Corte pronuncia in Camera di consiglio ex art. 375 c.p.c., a seguito di relazione ex art. 380 bis c.p.c..

L’Inail impugna con il procedimento di regolamento di competenza l’ordinanza del 28.5.2009 con cui il Tribunale di Brescia ha sospeso il giudizio proposto dall’Inail, contro un datore di lavoro – la Grafitech s.p.a – per il rimborso a norma del D.P.R. n. 1124 del 1965, artt. 10 e 11, di prestazioni economiche per le malattia professionali contratte da due dipendenti, di cui uno deceduto, in attesa del procedimento penale promosso nei confronti del datore di lavoro stesso.

La Soc. Grafitech si è costituita con memoria e resiste all’impugnazione.

Il proposto regolamento deve ritenersi fondato, considerata la giurisprudenza della Corte formatasi sulla questione ora dibattuta.

Ci si riferisce, tenuto presente il rinvio dell’art. 131 del t.u.

alle norme sugli infortuni nella disciplina dell’assicurazione contro le malattie professionali, a Cass. n. 2952/2001 e alla conforme Cass. 16874/2004 che, sulla base di un approfondito esame della questione in riferimento alla normativa del c.p.p. del 1988 e del v. novellato art. 295 c.p.c., e alla giurisprudenza costituzionale, hanno enunciato il principio secondo cui il giudizio di regresso dell’Inail nei confronti del datore di lavoro per il rimborso di prestazione economiche erogate a lavoratore infortunato D.P.R. n. 1124 del 1965, ex art. 11, non è soggetto a sospensione necessaria in attesa dell’esito del processo penale per gli stessi fatti.

Quanto alla previsione da parte della L. n. 123 del 2007, art. 2, poi sostituito dal D.Lgs. n. 81 del 2008, art. 61, comma 1, della facoltà dell’Inail di costituirsi parte civile in caso di esercizio dell’azione penale contro il datore di lavoro per gli stessi fatti alla base delle prestazioni per infortunio o malattia professionale, deve osservarsi che l’ipotesi della sospensione del giudizio civile (ipotizzata pure l’equiparazione dell’azione di regresso a quella per il risarcimento e le restituzioni) è esclusa, secondo la disciplina di cui all’art. 75 c.p.p., comma 2, in caso di proposizione dell’azione nella sede civile prima della sentenza penale di primo grado.

Si osserva infine, in relazione alle eccezioni sul punto della società resistente, che il quesito di diritto formulato a conclusione del ricorso appare adeguatamente identificare e prendere in considerazione gli elementi caratterizzanti della questione rilevante ai fini della decisione e che la enunciazione del quesito stesso in termini di specie non preclude la riferibilità dell’insito principio di diritto a un serie aperta di casi.

In conclusione, il proposto regolamento deve esser accolto, con cassazione dell’impugnata ordinanza di sospensione del giudizio e rimessione delle parti davanti al giudice “a quo”.

Le spese di questo giudizio sono regolate in base al criterio della soccombenza.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso, cassa l’ordinanza di sospensione impugnata e rimette le parti davanti al Tribunale di Brescia.

Condanna la s.p.a. Grafitech a rimborsare all’Inail le spese di questo giudizio in Euro 30,00 oltre Euro mille per onorari, oltre accessori di legge.

Così deciso in Roma, il 12 aprile 2010.

Depositato in Cancelleria il 9 giugno 2010

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA