Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 13780 del 20/05/2021

Cassazione civile sez. VI, 20/05/2021, (ud. 13/01/2021, dep. 20/05/2021), n.13780

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE L

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DORONZO Adriana – Presidente –

Dott. LEONE Margherita Maria – Consigliere –

Dott. ESPOSITO Lucia – rel. Consigliere –

Dott. PONTERIO Carla – Consigliere –

Dott. MARCHESE Gabriella – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 32652-2019 proposto da:

INAIL – ISTITUTO NAZIONALE PER L’ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI

SUL LAVORO, (OMISSIS), in persona del legale rappresentante pro

tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA IV NOVEMBRE 144,

presso lo studio dell’avvocato TERESA OTTOLINI, che lo rappresenta e

difende unitamente all’avvocato LUCIANA ROMEO;

– ricorrente –

contro

F.G.;

– intimato –

avverso la sentenza n. 447/2019 della CORTE D’APPELLO di PALERMO,

depositata il 06/05/2019;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 13/01/2021 dal Consigliere Relatore Dott. LUCIA

ESPOSITO.

 

Fatto

RILEVATO

che:

La Corte d’appello di Palermo, decidendo a seguito di appello dell’Inail avverso la sentenza del Tribunale di Palermo che aveva condannato l’Istituto a corrispondere a F.G. l’indennizzo per infortunio sul lavoro nella misura del 6%, a seguito di espletamento di nuova consulenza tecnica che aveva accertato postumi permanenti nella misura del 4%, così si esprimeva in motivazione: “in riforma della sentenza impugnata…la domanda del F. va respinta. In virtù del principio della soccombenza la parte appellata deve essere condannata al pagamento delle spese del doppio grado di giudizio..”, ancorchè nel dispositivo, dopo aver enunciato il rigetto della domanda, condannava l’appellata al solo pagamento delle spese del grado di appello;

avverso la sentenza propone ricorso per cassazione l’Inail sulla base di due motivi;

controparte è rimasta intimata;

la proposta del relatore, unitamente al decreto di fissazione dell’adunanza camerale non partecipata è stata notificata alla controparte.

Diritto

CONSIDERATO

che:

con il primo motivo il ricorrente deduce nullità della sentenza per contrasto tra motivazione e dispositivo ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 4;

con il secondo motivo deduce violazione e falsa applicazione dell’art. 91 c.p.c., ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 3, osservando che la condanna al pagamento delle sole spese relative al secondo grado di giudizio si pone in contrasto con il principio della soccombenza;

i motivi, da esaminare congiuntamente, sono fondati;

premesso che “nel rito del lavoro la prevalenza del dispositivo sulla motivazione è circoscritta alle ipotesi in cui vi è contrasto tra le due parti della pronuncia, mentre, ove l’incompatibilità manchi, la portata precettiva della pronuncia va individuata integrando il dispositivo con la motivazione” (Cass. n. 12841 del 21/06/2016), l’operazione ermeneutica di cui sopra, stante la chiara statuizione contenuta in motivazione riguardo all’applicazione del principio della soccombenza, conduce a ritenere erronea la liquidazione delle spese a carico dell’appellante limitata al solo giudizio d’appello;

di conseguenza il ricorso deve essere accolto limitatamente alla omessa statuizione sulle spese del giudizio di primo grado e la sentenza cassata in parte qua;

quindi, decidendo nel merito, le spese del giudizio di primo grado vanno poste a carico della parte intimata e liquidate come da dispositivo.

PQM

La Corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata limitatamente alla omessa statuizione relativa alle spese di lite del primo grado di giudizio, e, decidendo nel merito, liquida tali spese in complessivi Euro 2.000,00, oltre spese generali nella misura del 15% e accessori di legge, al cui pagamento va condannato il F.; Condanna F.G. al pagamento delle spese del giudizio di legittimità, liquidate in complessivi Euro 1.800,00, di cui Euro 200,00 per esborsi, oltre spese generali al 15% e accessori di legge.

Così deciso in Roma, nell’adunanza camerale, il 13 gennaio 2021.

Depositato in Cancelleria il 20 maggio 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA