Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 13760 del 31/05/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. I, 31/05/2017, (ud. 19/04/2017, dep.31/05/2017),  n. 13760

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. NAPPI Aniello – Presidente –

Dott. DI VIRGILIO Rosa Maria – Consigliere –

Dott. GENOVESE Francesco A. – Consigliere –

Dott. ACIERNO Maria – Consigliere –

Dott. NAZZICONE Loredana – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 25251/2014 proposto da:

P.V., elettivamente domiciliato in Roma, Vicolo

Orbitelli n. 31, presso l’avvocato Clemente Michele, rappresentato e

difeso dall’avvocato Di Molfetta Liana, giusta procura in calce al

ricorso;

– ricorrente –

contro

Fallimento (OMISSIS) S.r.l. in Liquidazione, in persona del Curatore

Dott. T.G., elettivamente domiciliato in Roma, Viale

Mazzini n. 6, presso l’avvocato Macro Renato, rappresentato e difeso

dall’avvocato Pagliani Andrea, giusta procura a margine del

controricorso;

– controricorrente –

avverso il decreto n. 9745/2014 del TRIBUNALE di TRANI, depositato il

25/08/2014;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

19/04/2017 dal Cons. Dott. NAZZICONE LOREDANA;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale SALVATO

Luigi, che ha concluso per l’estinzione.

Fatto

RILEVATO

– che il ricorrente Dr. P.V. ha chiesto la cassazione del decreto reso in data 8 luglio 2014 dal Tribunale di Trani;

– che si è costituita la procedura con controricorso;

– che il difensore del ricorrente ha dichiarato la rinuncia al ricorso, con accettazione della controparte;

– pertanto, va dichiarata l’estinzione del giudizio.

PQM

 

La Corte dichiara il giudizio estinto e il non luogo a regolare le spese.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 19 aprile 2017.

Depositato in Cancelleria il 31 maggio 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA