Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 13752 del 23/06/2011

Cassazione civile sez. VI, 23/06/2011, (ud. 28/04/2011, dep. 23/06/2011), n.13752

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SALME’ Giuseppe – Presidente –

Dott. SALVAGO Salvatore – Consigliere –

Dott. RORDORF Renato – Consigliere –

Dott. CECCHERINI Aldo – Consigliere –

Dott. DOGLIOTTI Massimo – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

A.L. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in

ROMA, VIA A. POLLIO 30, presso lo studio degli avvocati COLOMBO ELDA

e RISPOLI GREGORIO, che lo rappresentano e difendono, giusta mandato

a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA (OMISSIS) in persona del Ministro pro

tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e

difende, ope legis;

– controricorrente –

avverso il decreto n. 103/09 della CORTE D’APPELLO di GENOVA del

10.7.09, depositato il 02/09/2009;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

28/04/2011 dal Consigliere Relatore Dott. MASSIMO DOGLIOTTI;

E’ presente il Procuratore Generale in persona del Dott. IMMACOLATA

ZENO.

Fatto

FATTO E DIRITTO

A.L., impugnava il decreto della Corte di Appello di Genova del 02/09/2009, che aveva dichiarato improponibile il suo ricorso, volto al pagamento di somma in suo favore, quale equa riparazione del danno morale per irragionevole durata di procedimento.

Resiste con controricorso il Ministero.

Il ricorso per Cassazione è stato notificato in termini, considerato che il 20 dicembre2009 era data festiva, e dunque il ricorso poteva notificarsi il giorno successivo.

Il ricorso appare manifestamente fondato.

Non vi è stata decadenza L. n. 69 del 2001, ex art. 4: il ricorso alla Corte di merito è stato depositato in data 3/2/2009, mentre pacificamente la sentenza del giudizio presupposto è passata in giudicato il 30 marzo 2009. Non è fondata l’argomentazione del giudice a quo che si pone il quesito se tale sentenza non sia per caso stata notificata prima, e dunque sia trascorso il termine breve.

E’ da ritenere infatti che, ove sussista tale termine l’onere della prova spetti esclusivamente alla parte che tale eccezione sollevi tra le altre Cass. N. 13163 del 2004).

Va cassato il decreto impugnato con rinvio alla Corte di Appello di Genova; che si pronuncerà sul ricorso e pure sulle spese del presente giudizio di legittimità.

P.Q.M.

LA CORTE accoglie il ricorso; cassa il provvedimento impugnato e rinvia alla Corte di Appello di Genova, in diversa composizione, che pure si pronuncerà sulle spese del presente giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, il 28 aprile 2011.

Depositato in Cancelleria il 23 giugno 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA