Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 13702 del 07/06/2010

Cassazione civile sez. trib., 07/06/2010, (ud. 15/04/2010, dep. 07/06/2010), n.13702

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LUPI Fernando – Presidente –

Dott. D’ALESSANDRO Paolo – Consigliere –

Dott. DI IASI Camilla – Consigliere –

Dott. IACOBELLIS Marcello – Consigliere –

Dott. DI BLASI Antonino – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del legale rappresentante pro

tempore, rappresentata e difesa dall’Avvocatura Generale dello Stato,

nei cui uffici, in Roma, Via dei Portoghesi, 12 è domiciliata;

– ricorrente –

contro

RODACCIAI S.p.A. con sede in (OMISSIS), in persona del

legale

rappresentante pro tempore, rappresentata e difesa, giusta delega in

calce al controricorso, dall’Avv. Bracci Luciano Filippo, nel cui

studio in Roma, Largo del Teatro Valle n. 6 è elettivamente

domiciliata;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 07/05/2007 della Commissione Tributaria

Regionale di Milano – Sezione n. 05, in data 30/01/2007, depositata

il 27 febbraio 2007;

Udita la relazione della causa svolta nella Camera di Consiglio del

15 aprile 2010 dal Relatore Dott. Antonino Di Blasi;

Presente il Sostituto Procuratore Generale dr. Eduardo Vittorio

Scardaccione.

 

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO E MOTIVI DELLA DECISIONE

La Corte:

Considerato che nel ricorso iscritto al n. 5887/2008 R.G., è stata depositata in cancelleria la seguente relazione:

“1 – E’ chiesta la cassazione della sentenza n. 07/05/2007, pronunziata dalla C.T.R. di Milano, Sezione n. 05, il 30 gennaio 2007 e DEPOSITATA il 27 febbraio 2007.

Con tale decisione, la C.T.R. ha rigettato l’appello dell’Agenzia Entrate e confermato la decisione di primo grado, nella considerazione che il versamento effettuato il 31 maggio 1996 dovesse ritenersi tempestivo.

2 – Il ricorso di che trattasi, che riguarda impugnazione di cartella di pagamento per irpeg ed Ilor dell’anno 1995, è affidato a censure, con cui si deduce, violazione e falsa applicazione del D.P.R. n. 602 del 1973, art. 8 comma 1, del D.P.R. n. 600 del 1973, art. 9, n. 2, art. 2963 c.c. e art. 155 c.p.c., comma 2 nonchè omessa motivazione su fatto controverso e decisivo e violazione e falsa applicazione dell’art. 112 c.p.c..

3 – L’intimata società, giusto controricorso, ha chiesto il rigetto dell’impugnazione.

4 – Alle censure formulate, deve rispondersi richiamando il disposto dell’art. 2963 c.c., comma 4 e art. 155 c.p.c., comma 2 ed il principio secondo cui Ai sensi dell’art. 155 c.p.c. e art. 2963 c.c., il computo dei termini ad anno deve eseguirsi con riferimento al calendario comune, ex nominatione dierum; Pertanto, la scadenza del termine coincide con lo spirare del giorno numericamente corrispondente a quello di decorrenza del termine, senza tener conto del numero dei giorni intercorrenti (Cass. N. 10785/2000, n. 5607/1987, n. 3832/79).

5 – Si ritiene, quindi, sussistano i presupposti per la trattazione del ricorso in Camera di Consiglio, proponendosene la definizione, con il relativo accoglimento per manifesta fondatezza, ai sensi degli artt. 375 e 380 bis c.p.c..

Il Relatore Cons. Dr. Antonino Di Blasi”.

Considerato che la relazione è stata comunicata al pubblico ministero e notificata ai difensori;

Visti il ricorso, il controricorso, nonchè tutti gli altri atti di causa;

Considerato che il Collegio condivide le argomentazioni, svolte nella relazione;

Ritenuto che, in base a tali condivisi motivi ed ai richiamati principi, il ricorso va accolto e, per l’effetto, cassata l’impugnata decisione, la causa va rinviata ad altra sezione della CTR della Lombardia, la quale procederà al riesame e, quindi, adeguandosi ai principi desumibili dalle richiamate pronunce, deciderà nel merito e sulle spese del presente giudizio di legittimità, offrendo congrua motivazione;

Visti gli artt. 375 e 380 bis c.p.c..

P.Q.M.

accoglie il ricorso, cassa l’impugnata decisione e rinvia, anche per la pronuncia sulle spese, ad altra sezione della CTR della Lombardia.

Così deciso in Roma, il 15 aprile 2010.

Depositato in Cancelleria il 7 giugno 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA