Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 13690 del 05/07/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. VI, 05/07/2016, (ud. 08/04/2016, dep. 05/07/2016), n.13690

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DOGLIOTTI Massimo – Presidente –

Dott. RAGONESI Vittorio – Consigliere –

Dott. SCALDAFERRI Andrea – rel. Consigliere –

Dott. BISOGNI Giacinto – Consigliere –

Dott. ACIERNO Maria – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 25842-2013 proposto da:

ICP MANDARA SRL, (OMISSIS), in persona dell’Amministratore

unico legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in

ROMA, CORSO TRIESTE 185, presso lo studio dell’avvocato RAFFAELE

VERSACE, rappresentata e difesa dall’avvocato RAFFAELE PELLEGRINO

giusta procura a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

CURATELA FALLIMENTO B & C PRODOTTI ALIMENTARI MANDARA SRL;

– intimata –

avverso la sentenza n. 22255/2012 della CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

di ROMA del 26/10/2012, depositata il 07/12/2012;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio

dell’08/04/2016 dal Consigliere Relatore Dott. ANDREA SCALDAFERRI.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Il Collegio:

rilevato che la ICP Mandara s.r.l. ha proposto ricorso per revocazione, a norma dell’art. 391 bis c.p.c. e art. 395 c.p.c., n. 4, della sentenza di questa Corte, depositata il 7 dicembre 2012, con la quale è stato rigettato il ricorso per cassazione da essa proposto avverso la sentenza della Corte d’appello di Napoli n. 3617/2009 che aveva confermato la revocatoria dell’atto di acquisto della azienda della società poi fallita in favore di essa ricorrente;

che l’intimata Curatela del Fallimento B & C Prodotti Alimentari Mandara s.r.l. non ha svolto difese;

che, a seguito di deposito di relazione ex artt. 391 bis – 380 bis c.p.c. (con la quale veniva proposta la declaratoria di inammissibilità del ricorso non essendo l’errore dedotto qualificabile come errore di fatto), è stata fissata l’odierna adunanza camerale;

rilevato che del Collegio fa parte il cons. Ragonesi il quale, avendo partecipato alla deliberazione della precedente sentenza oggetto della domanda di revocazione, è incompatibile;

ritenuto pertanto che la trattazione della causa deve essere rimessa alla prima sezione civile.

PQM

rimette gli atti alla prima sezione civile di questa Corte.

Così deciso in Roma, il 8 aprile 2016.

Depositato in Cancelleria il 5 luglio 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA