Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 13682 del 05/07/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. lav., 05/07/2016, (ud. 14/04/2016, dep. 05/07/2016), n.13682

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. NOBILE Vittorio – Presidente –

Dott. BRONZINI Giuseppe – rel. Consigliere –

Dott. ESPOSITO Lucia – Consigliere –

Dott. LEO Giuseppina – Consigliere –

Dott. BOGHETICH Elena – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 18263-2012 proposto da:

P.F., c.f. (OMISSIS), elettivamente domiciliata

in ROMA, VIALE GORIZIA 22, presso lo studio dell’avvocato

CRISTIANO TOSCHI, rappresentata e difesa dall’avvocato ALBERTO

GATTUCCIO, giusta delega in atti;

– ricorrente –

contro

COSTA POLIMEDICAL CENTER S.N.C. DI C.G.M. E

C.B., domiciliata in ROMA PIAZZA CAVOUR, presso LA

CANCELLERIA DELLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE, rappresentata e difesa

dall’avvocato ANDREA CARONNA, giusta delega in atti;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 419/2012 della CORTE D’APPELLO di PALERMO,

depositata il 14/05/2012 R.G.N. 1581/2009;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

14/04/2016 dal Consigliere Dott. GIUSEPPE BRONZINI;

udito l’Avvocato GATTUCCIO ALBERTO;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

SERVELLO Gianfranco, che ha concluso per l’inammissibilità del

ricorso in subordine per il rigetto.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

P.F. conveniva in giudizio la Costa Polimedical Center s.n.c. di C.G.M. e C.B. snc lamentando un periodo di lavoro ed un orario superiori a quello risultante dalla lettera di assunzione (dall’Ottobre 1996 e per un orario di 28,30 settimanali, assumeva la ricorrente, invece che dall’Ottobre 1997 e 20 ore settimanali); si costituiva la società che contestava la fondatezza del ricorso. Il Tribunale del lavoro accoglieva la domanda e condannava la Costa Polimedical Center al pagamento in favore della lavoratrice della somma di Euro 18.945,42 per differenze retributive ed Euro 527, 64 per differenze sul TFR. La Corte di appello di Palermo, con sentenza del 14.3.2012, accoglieva l’appello della Costa Polimedical Center e rigettava la domanda per difetto di prova. La Corte territoriale rilevava che l’appello appariva ammissibile ed osservava che orario e durata risultavano dal contratto e che spettava alla lavoratrice provare circostanze diverse. Le dichiarazioni rese dai testi non consentivano di ritenere provata la domanda; il teste L.F. nulla aveva riferito circa il thema decidendum, così come il teste S. portiere dello stabile aveva avvalorato una tesi circa orario e durata della prestazione compatibile con quella affermata dalla datrice di lavoro;

la teste V. non aveva reso affermazioni concludenti, così come la teste T. che aveva riferito di una durata superiore a quella sostenuta dalla stessa lavoratrice dimostrando di non essere a conoscenza dell’effettiva durata del rapporto; circa l’orario aveva sostenuto che era identico a quello da lei seguito avvalorando così la tesi sostenuta in un analogo giudizio da lei condotto, sicchè poteva dubitarsi dell’attendibilità del teste.

Per la cassazione di tale decisione propone ricorso la P. con 3 motivi, resiste controparte con controricorso. Le parti hanno depositato memoria ex art. 378 c.p.c.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con il primo motivo si allega la violazione e falsa applicazione degli artt. 342 e 434 c.p.c. circa l’inammissibilità del ricorso, in appello. Non era stata idoneamente valutata l’eccezione di inammissibilità dell’appello.

Il motivo appare infondato. Nello stesso motivo a pag. 5 si riporta integralmente il primo motivo di appello con il quale la parte appellante contestava l’erroneo riconoscimento del rapporto di lavoro subordinato dalla data del 15 ottobre 2006 e per un diverso orario rispetto a quello convenuto al momento dell’assunzione nel 1997; nel motivo si indicano con chiarezza le ragioni della contestazione e cioè l’insufficienza della prova in relazione all’inattendibilità della teste T. ed al carattere solo indiretto della conoscenza delle circostanze riferite dalla teste V., cui si aggiungeva anche la genericità di quanto riferito dagli altri testi escussi.

Inoltre si allegava che era erronea l’affermazione nella sentenza di primo grado per cui spettava alla datrice di lavoro provare il titolo della presenza della lavoratrice nello studio professionale. Pertanto correttamente la Corte di appello ha ritenuto il motivo pienamente ammissibile posto che era chiaro il titolo della sentenza impugnata e le ragioni della detta impugnazione: l’appellante ha invitato la Corte a riesaminare le deposizioni rese in ordine alla durata del rapporto, riesame che ha poi condotto all’accoglimento dell’appello secondo le regole di un corretto effetto devolutivo del giudizio di appello.

Con il secondo motivo si allega la violazione e falsa applicazione dell’art. 132 c.p.c., comma 2, n. 4 e dell’art. 118 disp. att. c.p.c. Nullità della sentenza per difetto di motivazione relativamente alla proposta eccezione di genericità dei motivi di appello.

Il motivo va rigettato per quanto già detto: l’atto di appello indicava con chiarezza il capo della sentenza impugnata e le censure mosse alla sentenza impugnata; in particolare la parte appellante invitava a riesaminare le deposizioni rese dalla teste T. in quanto inattendibili, quelle della teste V. a carattere indiretto, le dichiarazioni degli altri testi in quanto generiche, come concretamente è avvenuto senza alcuna alterazione o compromissione dei diritti di difesa.

Con il terzo motivo si allega l’omessa ed insufficiente motivazione in relazione alla dichiarata inattendibilità del teste T..

Il motivo appare infondato avendo la Corte di appello spiegato le ragioni del dubbio sulla attendibilità del teste sotto un duplice profilo: circa la durata del rapporto aveva indicato un periodo di lavoro superiore a quello indicato dalla stessa ricorrente manifestando così di non essere a conoscenza dei fatti e sull’orario aveva riferito circostanze da lei stessa addotte in una controversia simile nei confronti della Costa Polimedical Center, circostanze rimaste prive di riscontri esterni. La motivazione appare pertanto congrua e logicamente coerente; mentre le censure sono di merito, dirette ad una ” rivalutazione del fatto”, come tale inammissibile in questa sede.

Si deve quindi rigettare il ricorso. Le spese di lite – liquidate come al dispositivo – seguono la soccombenza.

PQM

La Corte:

rigetta il ricorso. Condanna parte ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di legittimità che si liquidano in Euro 100,00 per esborsi oltre Euro 3.500,00 per compensi professionali oltre spese generali nella misura del 15% e accerri di legge.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 14 aprile 2016.

Depositato in Cancelleria il 5 luglio 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA