Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 1366 del 21/01/2011

Cassazione civile sez. trib., 21/01/2011, (ud. 05/07/2010, dep. 21/01/2011), n.1366

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PIVETTI Marco – rel. Presidente –

Dott. MAGNO Giuseppe Vito Antonio – Consigliere –

Dott. BERNARDI Sergio – Consigliere –

Dott. MARIGLIANO Eugenia – Consigliere –

Dott. GRECO Antonio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 8194/2006 proposto da:

GEST IDEA SRL, in persona del legale rappresentante pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA VIA MARCELLO PRESTINARI 15, presso

lo studio dell’avvocato CASALENA Paolo, che lo rappresenta e difende

giusta delega a margine;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE, in persona del Ministro pro

tempore, AGENZIA DELLE ENTRATE DIREZIONE REGIONALE DI LAZIO, in

persona del Direttore pro tempore, elettivamente domiciliati in ROMA

VIA DEI PORTOGHESI 12 presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che

li rappresenta e difende ope legis;

– controricorrenti –

avverso la sentenza n. 34/2004 della COMM. TRIB. REG. di ROMA,

depositata il 21/01/2005;

udita la relazione della causa svolta nella Pubblica udienza del

05/07/2010 dal Presidente e Rei. Dott. MARCO PIVETTI;

udito per il ricorrente l’Avvocato CASALENA PAOLO, che ha chiesto

l’accoglimento;

udito per il resistente l’Avvocato CASELLI GIANCARLO, che ha chiesto

il rigetto;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

VELARDI Maurizio, che ha concluso per l’inammissibilità del ricorso,

in subordine il rigetto.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con avviso di accertamento notificato il 15 dicembre 1998, l’Amministrazione finanziaria ha elevato da L. 5.500.000 a L. 4 miliardi 881 milioni 800 mila, il reddito di impresa per il 1992 della società Gest Idea s.r.l., esercente l’attività alberghiera, con conseguenti maggiori imposte nella misura di L. 1.755.468.000 per irpeg, L. 789.961.000 per Ilor e L. 2.545.429.000 per sanzioni. Il maggior accertamento derivava, si legge nella sentenza qui impugnata, dal recupero a tassazione di una somma di 4 miliardi e 876 milioni a titolo di plusvalenza, che era stata iscritta in esenzione di imposta in violazione del D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, art. 54. In particolare, era risultato che la rivalutazione degli immobili patrimoniali della società era stata effettuata mediante storno della predetta somma dal conto depositi c/o terzi al c/immobili senza transito per il conto economico e senza inclusione di essa nel reddito imponibile per quell’anno.

Proposta opposizione, la stessa è stata accolta dalla Commissione tributaria provinciale per difetto di motivazione dell’avviso di accertamento. La Commissione tributaria regionale ha accolto l’appello dell’Amm. finanziaria confermando l’accertamento.

Contro la sentenza ricorre la società prospettando due motivi di censura.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con il primo motivo di ricorso, proposto ai sensi dell’art. 360, n. 5, e per la violazione dell’art. 111 Cost., commi 1 e 2, la Gest Idea s.r.l. censura la sentenza impugnata per mancanza di motivazione in ordine alla dedotta nullità dell’avviso di accertamento per mancanza di motivazione; con il secondo l’infondatezza nel merito della pretesa fiscale.

Il motivo è inammissibile, in quanto non consente di comprendere quale sia il fatto il cui accertamento sia stato mal motivato dalla sentenza impugnata mentre nessun chiarimento consente il richiamo ai primi due commi dell’art. 111 Cost.. Nella illustrazione del motivo viene richiamato anche l’art. 2697 cod. civ., ma non viene spiegato quale sia il fatto oggetto della prova in ordine alla quale i giudici di merito avrebbero operato una illegittima inversione del relativo onere.

Il motivo, comunque, non riporta il testo dell’avviso di accertamento la cui motivazione sarebbe stata mal valutata dalla Commissione tributaria regionale e alle violazione del principio di autosufficienza costituisce un ulteriore fattore di inammissibilità.

Ad abundantiam può peraltro rilevarsi che dalla sentenza impugnata risulta che l’avviso era motivato con precisione in quanto indicava con precisione i fatti che avevano determinato la rettifica, specificava che i fatti stessi erano stati ricavati dalle stesse dichiarazioni del contribuente e indicava le ragioni giuridiche sulle quali la ripresa a tassazione si fondava. Ne consegue l’infondatezza del motivo in quanto riferito alla illegittimità per carenza di motivazione della statuizione che ha respinto la denunzia di illegittimità dell’atto di accertamento per difetto di motivazione.

Con il secondo motivo di ricorso si deduce che non si trattava di una plusvalenza ex art. 54 ma di una più precisa classificazione nel 1992 nel c/immobili di una posta dello stato patrimoniale già iscritta nell’attivo del bilancio al 31 dicembre 1991 al conto depositi c/o terzi. Si afferma inoltre che anche se si volesse considerare tale posta come plusvalenza essa si sarebbe verificata nel 1991 e non nel 1992 e l’Amministrazione finanziaria non poteva ricorrere ad un espediente per attuare un’imposizione che doveva fare l’anno prima.

Anche tale censura è infondata.

La Commissione tributaria regionale ha spiegato che l’iscrizione in bilancio al conto “depositi c/o terzi” nell’anno 1991 era stato ininfluente nella determinazione delle plusvalenze rilevanti ai fini fiscali. Dette plusvalenze si erano realizzate invece nell’anno 1992, allorchè il e/ immobili era stato rivalutato da L. 11.524.959.277 a L. 17.066.026.678, vale a dire quando è stato interessato un conto che, al contrario del conto depositi c/o terzi, è in grado di incidere sul risultato economico dell’impresa in caso di cessione dei cespiti immobiliari, nei limiti delle quote ammortizzati. Infatti dette quote che come costi hanno influenzato il conto economico negli anni pregressi, con il disinvestimento tornano a svolgere il loro ruolo come ricavi, a norma del D.P.R. n. 917 del 1986, art. 54, comma 1 (T.U.I.R.).

A tali rilievi la società ricorrente non ha opposto alcuna specifica deduzione o argomento. La contestazione secondo cui la plusvalenza avrebbe dovuto essere rilevata nell’anno precedente, quando il relativo importo era appostato nel conto depositi c/o terzi, non può essere presa in considerazione (anche a prescindere dal rilievo secondo cui il conto depositi c/o terzi, a differenza del conto immobili, non è influente nella determinazione delle plusvalenze rilevanti ai fini fiscali) posto che il ricorso non spiega in qual modo fosse possibile rilevare dal bilancio che si trattava di plusvalenze immobiliari.

P.Q.M.

– rigetta il ricorso;

condanna la ricorrente alle spese, liquidate in Euro 9.200,00 di cui Euro 200,00 per esborsi.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 5 luglio 2010.

Depositato in Cancelleria il 21 gennaio 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA