Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 13613 del 21/06/2011

Cassazione civile sez. III, 21/06/2011, (ud. 17/05/2011, dep. 21/06/2011), n.13613

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. FILADORO Camillo – Presidente –

Dott. SPIRITO Angelo – Consigliere –

Dott. D’ALESSANDRO Paolo – rel. Consigliere –

Dott. DE STEFANO Franco – Consigliere –

Dott. CARLUCCIO Giuseppa – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

ITALCEMENTI S.P.A. (OMISSIS) in persona del Vice Presidente

Operativo e legale rappresentante ing. B.P.,

elettivamente domiciliata in ROMA, VIA G.B. VICO 1, presso lo studio

dell’avvocato PROSPERI MANGILI LORENZO, che la rappresenta e difende

unitamente all’avvocato LUCCHINI BRUNO giusta delega in calce al

ricorso;

– ricorrente –

contro

P.A., + ALTRI OMESSI

elettivamente domiciliati in ROMA, VIALE CARSO 77, presso

lo studio dell’avvocato PONTECORVO EDOARDO, rappresentati e difesi

dagli avvocati RACHELE MARIA LAURA, CAREDDA VINCENZO, MELIS BRUNO

giusta delega in calce al controricorso;

– controricorrenti –

e contro

A.M., + ALTRI OMESSI

;

– intimati –

avverso la sentenza n. 357/2006 della CORTE D’APPELLO di CAGLIARI,

emessa il 29/09/2006, depositata il 29/11/2006 R.G.N. 267/2004;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

17/05/2011 dal Consigliere Dott. PAOLO D’ALESSANDRO;

udito l’Avvocato PROSPERI MANGILI LORENZO;

udito l’Avvocato PONTECORVO EDOARDO;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

SCARDACCIONE Eduardo Vittorio che ha concluso con il rigetto del

ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

L’Italcementi S.p.A. propone ricorso per cassazione, affidato a tre motivi ed illustrato da successiva memoria, avverso la sentenza della Corte d’appello di Cagliari che ha rigettato il suo gravame contro la sentenza di primo grado del Tribunale di Cagliari con la quale era stata condannata al risarcimento dei danni nei confronti di numerosi attori, proprietari e/o affittuari e/o comodatari di terreni in agro dei comuni di (OMISSIS), per la diminuita produttività di tali terreni, a ragione delle immissioni provenienti da uno stabilimento di proprietà della Cementerie di Sardegna S.p.A., poi incorporata nella società ricorrente.

Dieci degli intimati resistono con controricorso mentre gli altri non si sono costituiti.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

1.- Con il primo motivo la società ricorrente, sotto il profilo della violazione degli artt. 75 e 77 cod. proc. civ. e degli artt. 1362 e 1324 cod. civ. e del vizio di motivazione, reitera l’eccezione, disattesa dal giudice di appello, di difetto di valida procura degli avvocati Caredda Vincenzo e Maria Laura Rachele, nominati dal dott. Alberto Loche, procuratore speciale degli intimati.

Assume la ricorrente che la procura rilasciata al Loche non comprenderebbe il potere di nominare difensori.

1.1.- Il mezzo è inammissibile.

Gli appellati – come si evince dall’intestazione della sentenza impugnata – erano infatti difesi non solo dagli avv.ti Caredda e Rachele ma anche dall’avv. Bruno Melis, costituitosi in giudizio – come si riconosce in ricorso – “in forza di regolari mandati generali alle liti”. L’eventuale accoglimento del gravame non porterebbe pertanto alcuna conseguenza favorevole alla società ricorrente.

A ciò si aggiunga che, nel quesito di diritto, si censura inammissibilmente non la violazione di regole ermeneutiche ma l’interpretazione seguita dal giudice di merito, di cui si assume l’erroneità.

2.- Con il secondo motivo la società ricorrente, sotto il profilo della violazione degli artt. 844 e 2697 cod. civ., lamenta il difetto di prova in ordine al superamento dei limiti della normale tollerabilità.

2.1.- Il mezzo è inammissibile. La analoga censura proposta in grado di appello non è stata testualmente riportata, con violazione del principio di autosufficienza. La Corte d’appello, comunque, non la ha decisa in quanto, dopo averne riassunto il contenuto, afferma che “tale motivo può essere esaminato con i motivi propriamente di merito” ma, nel prosieguo della sentenza, in realtà non la esamina, limitandosi a rigettare le censure relative al quantum. La ricorrente avrebbe dovuto perciò lamentare semmai l’omessa pronuncia su un capo di appello, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 4.

3.- Con il terzo motivo la società ricorrente lamenta vizi di motivazione.

3.1.- Il mezzo – che si risolve nella riproduzione testuale di circa trenta pagine dell’appello – è inammissibile, in difetto della chiara indicazione dei fatti controversi, richiesta dall’art. 366-bis cod. proc. civ., come interpretato dalle Sezioni Unite di questa Corte.

4.- Il ricorso va pertanto rigettato, con la condanna della società ricorrente al pagamento delle spese in favore dei controricorrenti, liquidate in Euro 10.200,00, di cui Euro 10.000,00 per onorari, oltre spese generali ed accessori di legge.

P.Q.M.

LA CORTE rigetta il ricorso e condanna la società ricorrente al pagamento delle spese in favore dei controricorrenti, liquidate in Euro 10.200,00, di cui Euro 10.000,00 per onorari, oltre spese generali ed accessori di legge.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della Sezione Terza civile, il 17 maggio 2011.

Depositato in Cancelleria il 21 giugno 2011

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA