Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 1361 del 22/01/2021

Cassazione civile sez. VI, 22/01/2021, (ud. 07/10/2020, dep. 22/01/2021), n.1361

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE L

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DORONZO Adriana – Presidente –

Dott. LEONE Margherita Maria – Consigliere –

Dott. ESPOSITO Lucia – rel. Consigliere –

Dott. PONTERIO Carla – Consigliere –

Dott. MARCHESE Gabriella – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 23075-2018 proposto da:

G.D., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA BARNABA

ORIANI 85, presso lo studio dell’avvocato GIUSEPPE TAMBERI,

rappresentato e difeso dall’avvocato MARIO TAMBERI;

– ricorrente –

contro

INPS – ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE (OMISSIS), in

persona del Direttore pro tempore, elettivamente domiciliato in

ROMA, VIA CESARE BECCARIA 29, presso la sede dell’AVVOCATURA

dell’Istituto medesimo, rappresentato e difeso dagli avvocati

EMANUELE DE ROSE, LELIO MARITATO, ANTONINO SGROI, CARLA D’ALOISIO,

ESTER ADA VITA SCIPLINO, GIUSEPPE MATANO;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 164/2018 della CORTE D’APPELLO di ROMA,

depositata il 19/01/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 07/10/2020 dal Consigliere Relatore Dott.ssa

ESPOSITO LUCIA.

 

Fatto

RILEVATO

CHE:

la Corte d’appello di Roma dichiarava inammissibile l’appello proposto da Margest Italia s.r.l. avverso la sentenza con la quale il giudice di primo grado, in sede di giudizio di opposizione dell’Inps avverso il pignoramento notificato da detta società, aveva ridotto l’importo della somma oggetto di pignoramento e condannato la società a restituire all’Inps l’importo eccedente già assegnato dal Giudice dell’esecuzione;

osservava la Corte territoriale che dalla documentazione in atti risultava che la Margest Italia s.r.l. era stata cancellata dal registro delle imprese il 14/9/2009 e che tale evento, pur verificatosi durante il giudizio di primo grado, non era stato fatto constare in quel procedimento, talchè, anche se la sentenza era stata pronunciata nei confronti della società, ciò impediva che la medesima società potesse agire o essere convenuta in giudizio, discendendo dalla cancellazione il trasferimento della legittimazione processuale in capo ai soci;

per la cassazione della sentenza ha proposto ricorso G.D., socio unico ed ex liquidatore di Margest Italia s.r.l., sulla base di unico motivo, illustrato con memoria;

l’Inps ha resistito con controricorso;

entrambe le parti hanno prodotto memorie;

la proposta del relatore, ai sensi dell’art. 380-bis c.p.c., è stata comunicata alle parti, unitamente al decreto di fissazione dell’adunanza in camera di consiglio non partecipata.

Diritto

CONSIDERATO

CHE:

con unico motivo il ricorrente deduce violazione e falsa applicazione degli artt. 300,83 c.p.c., e art. 1722 c.c., n. 4, nonchè dei principi generali in tema di conferimento, validità e ultrattività della procura alle liti, ex art. 360 c.p.c., n. 3, osservando che la Corte d’appello si era discostata dal principio enunciato dalla Corte di Cassazione a Sezioni Unite (Cass. n. 15295 del 04/07/2014), secondo cui, essendo i difensori della società muniti di mandato anche per l’appello, si era di fronte ad una ipotesi di ultrattività della procura ad litem;

rileva il collegio che la citata decisione delle Sezioni Unite di questa Corte (cui sono seguite molte altre pronunce conformi, tra cui, da ultimo, Cass. n. 20964 del 22/08/2018, Cass. n. 9213 del 22/1/2020), superando precedenti indirizzi di segno diverso, ha affermato che la perdita di capacità della parte costituita a mezzo di procuratore, dallo stesso non dichiarata in udienza o notificata alle altre parti, comporta, tra l’altro, in forza della regola dell’ultrattività del mandato alla lite, che il medesimo procuratore, qualora originariamente munito di procura alla lite valida per gli ulteriori gradi del processo, sia legittimato a proporre gravame in rappresentanza della parte che, deceduta o divenuta incapace, va considerata, nell’ambito del processo, tuttora in vita e capace (specificamente, in applicazione del suddetto principio, la S.C. -Cass. n. 30341 del 23/11/2018 -ha ritenuto ammissibile il ricorso per cassazione promosso dal difensore munito di mandato a tal fine conferito dalla società con procura speciale sottoscritta prima dell’estinzione dell’ente a seguito della cancellazione dal registro delle imprese);

che la sezione quarta, tuttavia, si è espressa in termini dissonanti rispetto a detto principio (si veda il principio che segue, affermato da Cass. n. 24853 del 09/10/2018 “La cancellazione volontaria da registro delle imprese di una società, a partire dal momento in cui si verifica l’estinzione della società medesima, impedisce che la stessa possa ammissibilmente agire o essere convenuta in giudizio, sicchè, se l’estinzione interviene in un giudizio del quale la società è parte, ove l’evento interruttivo non sia stato dichiarato o si sia verificato quando il farlo constatare non sarebbe stato più possibile, l’appello successivo al verificarsi della cancellazione deve provenire (o essere indirizzato) dai soci (o nei confronti dei soci) succeduti alla società estinta, a pena di inammissibilità.”);

emerge, pertanto, la valenza nomofilattica della decisione nel procedimento in disamina, che rende necessaria la rimessione della causa alla quarta sezione per la decisione in pubblica udienza ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c., comma 3.

P.Q.M.

La Corte rimette la causa alla quarta sezione ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c., comma 3.

Così deciso in Roma, il 7 ottobre 2020.

Depositato in Cancelleria il 22 gennaio 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA