Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 13606 del 04/07/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. VI, 04/07/2016, (ud. 25/05/2016, dep. 04/07/2016), n.13606

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. IACOBELLIS Marcello – Presidente –

Dott. CIGNA Mario – Consigliere –

Dott. IOFRIDA Giulia – Consigliere –

Dott. CRUCITTI Roberta – Consigliere –

Dott. CONTI Roberto Giovanni – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 7088/2015 proposto da:

M.M., in qualità di erede di M.L.,

elettivamente domiciliata in ROMA, VIA EMILIO DE’ CAVALIERI 11,

presso lo studio dell’avvocato ALDO FONTANELLI, rappresentata e

difesa dall’avvocato MICHELANGELO MASSANO giusta procura in calce

al ricorso;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE, (OMISSIS), in persona del Direttore pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e

difende ope legis;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 279/33/2014 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE di TORINO del 28/09/2009, depositata l’11/02/2014;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

25/05/2016 dal Consigliere Relatore Dott. ROBERTO GIOVANNI CONTI.

Fatto

IN FATTO E IN DIRITTO

M.M., n.q. di erede di M.L., ha proposto ricorso per cassazione, affidato a due motivi, contro la sentenza resa dalla CTR Piemonte meglio indicata in epigrafe che ha confermato la legittimità della cartella di pagamento emessa dall’ufficio a carico del M.L. per l’anno 1998.

L’Agenzia delle entrate ha depositato controricorso.

Il primo motivo di ricorso è manifestamente infondato. La pronunzia impugnata, a differenza di quanto affermato dalla parte ricorrente, non reca affatto due date di decisione della sentenza impugnata, posto che quella del 28.11.2013 è stata deleta, mentre quella vergata a penna è dotata di efficacia fidefaciente. La censura proposta dalla parte ricorrente, tesa a prospettare l’assenza degli elementi essenziali della decisione, tralascia pertanto di individuare correttamente il contenuto della decisione.

Il secondo motivo di ricorso è inammissibile, tendendo ad una rivisitazione degli accertamenti di fatto compiuti dal giudice di merito che non è consentita a questa Corte in sede di legittimità.

Il ricorso va quindi rigettato.

PQM

La Corte, visti gli artt. 375 e 380 bis c.p.c..

Rigetta il ricorso e condanna la parte ricorrente al pagamento delle spese processuali che liquida in favore dell’Agenzia delle entrate in curo 3000,00 per compensi, oltre spese prenotate a debito.

Dà atto della ricorrenza dei presupposti di cui del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, per il versamento da parte della ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Sesta Civile, il 25 maggio 2016.

Depositato in Cancelleria il 4 luglio 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA