Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 13563 del 18/05/2021

Cassazione civile sez. II, 18/05/2021, (ud. 03/12/2020, dep. 18/05/2021), n.13563

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SAN GIORGIO Maria Rosaria – Presidente –

Dott. GORJAN Sergio – rel. Consigliere –

Dott. ORICCHIO Antonio – Consigliere –

Dott. FALASCHI Milena – Consigliere –

Dott. VARRONE Luca – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 26058-2019 proposto da:

G.M.N.M., S.E.S.E., in proprio

e nella qualità di genitori esercenti la responsabilità

genitoriale sul minore G.P., rappresenti e difesi

dall’avvocato CONCETTA MIASI, giusta procura in calce al ricorso;

– ricorrenti –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO, in persona del Ministro pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

L’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende ope

legis;

– controricorrente –

avverso il decreto del TRIBUNALE di MESSINA, depositato il

23/07/2019;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

03/12/2020 dal Consigliere GORJAN SERGIO.

 

Fatto

FATTI DI CAUSA

G.M.N.M. e S.E.S.E. – cittadini egiziani – ebbero, per sè ed il figlio minore, a proporre, avanti il Tribunale di Messina, opposizione avverso i provvedimenti di loro trasferimento in Austria, a sensi della disciplina Europea, quale Paese di primo arrivo, emessi a loro carico.

Il Tribunale siciliano ebbe a rigettare le opposizioni riunite ed i richiedenti asilo impugnarono detta decisione con ricorso per cassazione articolato su sette motivi.

Il Ministero degli Interni, ritualmente evocato, ha resistito con controricorso.

Con atto datato 6.11.2019 depositato in Cancelleria e ritualmente notificato alla controparte costituita, il G. e la S. hanno proposto rinuncia all’impugnazione mossa, poichè il provvedimento di loro trasferimento in Austria revocato, e tale rinuncia non risulta accettata dal Ministro resistente.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

Il procedimento di legittimità conseguito al ricorso proposto dai consorti G.- S. va dichiarato estinto per intervenuta rituale rinuncia ex art. 390 c.p.c., all’impugnazione proposta.

La mancata accettazione della rinuncia da parte del controricorrente costituito, ex art. 391 c.p.c., non rileva al fine della regolamentazione delle spese di questa lite, posto che anche il Ministero resistente segnala come il provvedimento di trasferimento in Austria – oggetto dell’impugnazione da parte dei richiedenti asilo – era stato revocato già nel luglio 2019 per inutile decorso del termine di sua esecuzione.

Dunque il provvedimento di revoca, che faceva venir meno all’interesse dei richiedenti asilo alla causa, era intervenuto già prima della decisione del Tribunale ma non fu comunicato.

Di conseguenza, stante la posizione processuale assunta dal Ministero dinanzi ricordata, le spese di questo giudizio di legittimità non possono che essere compensate tra le parti.

P.Q.M.

Dichiara estinto il presente procedimento di legittimità per intervenuta rinuncia all’impugnazione da parte dei ricorrenti.

Spese di questo giudizio compensate.

Così deciso in Roma, nell’Adunanza in Camera di consiglio, il 3 dicembre 2020.

Depositato in Cancelleria il 18 maggio 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA