Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 13521 del 18/05/2021

Cassazione civile sez. I, 18/05/2021, (ud. 10/03/2021, dep. 18/05/2021), n.13521

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CAMPANILE Pietro – Presidente –

Dott. PARISE Clotilde – Consigliere –

Dott. MARULLI Marco – Consigliere –

Dott. LAMORGESE Antonio – rel. Consigliere –

Dott. CARADONNA Lunella – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 6072/2016 proposto da:

M.C., elettivamente domiciliata in Roma, Piazzale

delle Belle Arti n. 8, presso lo studio dell’avvocato Pellicanò

Antonino, che la rappresenta e difende, giusta procura a margine del

ricorso;

– ricorrente –

contro

Agea – Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura;

– intimata –

avverso la sentenza n. 17659/2015 del TRIBUNALE di ROMA, pubblicata

il 04/09/2015;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

10/03/2021 dal cons. Dott. LAMORGESE ANTONIO PIETRO.

 

Fatto

FATTI DI CAUSA

Il Tribunale di Roma, con sentenza del 4 settembre 2015, dichiarava inammissibile l’appello di M.C. avverso la sentenza del Giudice di Pace che, condannando l’AGEA al pagamento in suo favore di Euro 63,65, oltre interessi dalla domanda, a titolo di aiuto alla produzione di olio di oliva, non aveva provveduto sulla domanda di risarcimento del maggior danno, ai sensi dell’art. 1224 c.c., comma 2.

Secondo il Tribunale, che accoglieva l’eccezione di inammissibilità del gravame sollevata dall’AGEA, si trattava di causa decisa secondo equità, il cui valore era inferiore al limite di cui all’art. 113 c.p.c., comma 2, nè era lamentata la violazione di norme procedimentali, costituzionali, comunitarie o di principi regolatori della materia.

Avverso questa sentenza la M. propone ricorso per cassazione, illustrato da memoria. L’AGEA non ha svolto attività difensiva.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

Il primo motivo, con il quale la ricorrente denuncia la nullità della sentenza impugnata per violazione e falsa applicazione dell’art. 339 c.p.c., per avere ritenuto che la sentenza impugnata fosse stata emessa dal Giudice di Pace “secondo equità”, è fondato.

Il tribunale non ha considerato che l’AGEA aveva proposto una domanda riconvenzionale di risarcimento del danno all’immagine, quantificato in Euro 1500,00, con l’effetto che il valore della controversia superava il limite (di Euro 1100,00) fissato, nell’art. 113 c.p.c., comma 2, per la decisione delle cause “secondo equità” e che, dunque, non operava la previsione di inappellabilità della sentenza, di cui all’art. 339 c.p.c., comma 2. E’, infatti, costantemente ribadito il principio secondo cui, qualora vengano proposte davanti al giudice di pace domande connesse, l’una in via equitativa e l’altra (anche in via riconvenzionale e pure se rinunciata) secondo diritto, tutta la controversia deve essere decisa secondo diritto, con la conseguenza che il mezzo di impugnazione è l’appello (cfr. Cass. n. 30055 del 2017, n. 9292 del 2015, n. 15338 del 2012, n. 26518 del 2009, nel regime sia posteriore che anteriore alla modifica dell’art. 339 c.p.c. ad opera del D.Lgs. 2 febbraio 2006, n. 40, art. 1).

Resta assorbito il secondo motivo, concernente la violazione, sotto altro profilo, del medesimo parametro normativo.

La sentenza impugnata è cassata con rinvio al Tribunale di Roma, in diversa composizione, anche per le spese del giudizio di cassazione.

PQM

La Corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia al Tribunale di Roma, in diversa composizione, anche per le spese.

Così deciso in Roma, il 10 marzo 2021.

Depositato in Cancelleria il 18 maggio 2021

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA