Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 13504 del 03/06/2010

Cassazione civile sez. I, 03/06/2010, (ud. 24/06/2009, dep. 03/06/2010), n.13504

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ADAMO Mario – Presidente –

Dott. SALME’ Giuseppe – rel. Consigliere –

Dott. RAGONESI Vittorio – Consigliere –

Dott. SCHIRO’ Stefano – Consigliere –

Dott. FITTIPALDI Onofrio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

M.A., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA

CAVOUR, presso la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentato e difeso

dall’avvocato DACQUI’ GIUSEPPE, (avviso postale Piazza Trento n. 19 –

CALTANISSETTA), giusta delega in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DEL TESORO, AGENZIA DELLE ENTRATE SEDE CENTRALE;

– intimati –

avverso il decreto N. 13/05 V.G. della CORTE D’APPELLO di

CALTANISSETTA, depositato il 13/10/2005;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

24/06/2009 dal Consigliere e Relatore Dott. SALME’ GIUSEPPE;

lette le conclusioni scritte del Sostituto Procuratore Generale Dott.

FUZIO Riccardo che ha concluso visto l’art. 375 c.p.c. per

l’inammissibilita’ del ricorso, con le conseguenze di legge.

 

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Il presidente della corte d’appello di Caltanisetta, con decreto del 13 ottobre 2005, ha rigettato il ricorso D.P.R. n. 115 del 2002, ex art. 99 proposto da M.A. avverso il provvedimento della stessa corte d’appello dell’8 febbraio 2005 di rigetto della richiesta di ammissione al gratuito patrocinio.

Il M. ha proposto ricorso per Cassazione articolato in due motivi. L’amministrazione intimata non ha svolto attivita’ difensiva.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con i due motivi, rubricati come censure di violazione dell’art. 606 c.p.c., lett. b) e c), il ricorrente lamenta sia la mancanza che il difetto di motivazione del provvedimento impugnato.

Il ricorso risulta ritualmente notificato all’amministrazione finanziaria e depositato a mezzo del servizio postale, ma e’ inammissibile in quanto, a parte l’erroneita’ delle rubriche dei motivi che fanno riferimento alle norme del rito penale invece che a quelle del rito civile, sono tra loro contraddittori e, quanto al primo motivo, con il quale si censura l’argomentazione secondo la quale il possesso di due costose autovetture denoterebbe una capacita’ reddituale superiore a quella indicata nel D.P.R. n. 115 del 2002, art. 76, lett. a) si risolve in una critica di un giudizio di fatto logicamente e sufficientemente motivato.

P.Q.M.

Dichiara il ricorso inammissibile.

Cosi’ deciso nella camera di consiglio della struttura centralizzata per l’esame preliminare dei ricorsi, sezione prima civile, il 24 giugno 2009.

Depositato in Cancelleria il 3 giugno 2010

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA