Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 13437 del 01/06/2010

Cassazione civile sez. III, 01/06/2010, (ud. 11/05/2010, dep. 01/06/2010), n.13437

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VARRONE Michele – Presidente –

Dott. MASSERA Maurizio – rel. Consigliere –

Dott. TALEVI Alberto – Consigliere –

Dott. AMENDOLA Adelaide – Consigliere –

Dott. FRASCA Raffaele – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 26041/2006 proposto da:

B.P. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in

ROMA, VIA DEI QUATTRO VENTI 80, presso lo studio dell’avvocato

CARACCIOLO ANTONIO GIOVANNI, rappresentato o difeso dall’avvocato

TUFARIELLO Giovanni con delega in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

ASSITALIA SPA;

– intimata –

avverso la sentenza n. 1834/2005 del TRIBUNALE di SANTA MARIA CAPUA

VETERE, emessa il 21/07/2005; depositata il 02/09/2005;

udita la relazione della causa svolta nella Pubblica udienza del

11/05/2010 dal Consigliere Dott. MAURIZIO MASSERA;

udito il P.M., in persona dei Sostituto Procuratore Generale Dott.

SCARDACCIONE Eduardo Vittorio, che ha concluso per la

inammissibilità del ricorso.

 

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con sentenza in data 25 febbraio 2002 il Giudice di Pace di Santa Maria Capua Vetere attribuiva la responsabilità del sinistro all’origine della controversia nelle rispettive misure del 70% all’attore B.P. e del 30% al convenuto S. M..

Con sentenza in data 21 luglio – 2 settembre 2005 il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere rigettava l’appello del B. osservando per quanto interessa: il B., in sosta sul lato della strada, si era immesso sulla medesima e aveva eseguito manovra di svolta o di conversione non avvedendosi del sopraggiungere, a velocità non moderata, del S..

Avverso la suddetta sentenza il B. ha proposto ricorso per cassazione affidato ad un unico motivo.

Il S. e gli altri intimati, Assitalia Assicurazioni S.p.A. e Generali Assicurazioni S.p.A. non hanno espletato attività difensiva.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con l’unico motivo il ricorrente denuncia violazione e falsa applicazione di norme di diritto, che non specifica.

Pertanto la doglianza contravviene al disposto dell’art. 366 c.p.c., n. 4, norma che impone al ricorrente per cassazione, a pena d’inammissibilità, d’indicare a corredo di ciascuno dei motivi le norme su cui essi rispettivamente si fondano.

D’altra parte le argomentazioni poste a sostegno prescindono totalmente dalle norme di diritto per attestarsi sulla ricostruzione della dinamica del sinistro, peraltro senza rispettare il principio di autosufficienza del ricorso per cassazione. In tal modo si rendono indispensabili l’esame delle risultanze processuali e le conseguenti valutazioni fattuali, attività che sono inibite al giudice di legittimità e riservate al giudice di merito.

Ne consegue l’inammissibilità del ricorso.

P.Q.M.

Dichiara il ricorso inammissibile. Nulla spese.

Così deciso in Roma, il 11 maggio 2010.

Depositato in Cancelleria il 1 giugno 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA