Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 13434 del 17/06/2011

Cassazione civile sez. VI, 17/06/2011, (ud. 19/05/2011, dep. 17/06/2011), n.13434

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. FINOCCHIARO Mario – Presidente –

Dott. MASSERA Maurizio – Consigliere –

Dott. SEGRETO Antonio – rel. Consigliere –

Dott. VIVALDI Roberta – Consigliere –

Dott. SPIRITO Angelo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 20828/2010 proposto da:

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA AMMINISTRAZIONE ARCHIVI NOTARILI

(OMISSIS), elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI

12, presso AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e e

difende;

– ricorrenti –

e contro

M.S.;

– intimati –

avverso il provvedimento della CORTE D’APPELLO di L’AQUILA,

depositata il 08/06/2010;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

19/05/2011 dal Consigliere Dott. ANTONIO SEGRETO;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

SGROI Carmelo.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con reclamo L. n. 89 del 1913, ex art. 158, il Ministro della Giustizia ha impugnato la decisione della Commissione Regionale di disciplina dei Notai di Abruzzo e Molise, con la quale al notaio M.S. era stata inflitta la sanzione di Euro 45,00, in quanto ritenuta responsabile della violazione di cui alla L. Notarile n. 89 del 1913, art. 62, per 4 episodi di irregolare gestione del repertorio.

Con ordinanza dell’8.6.2010, la Corte di appello di L’Aquila, rilevata la mancata comparizione del Ministero reclamante, dichiarava il non luogo a procedere relativamente a tale reclamo.

Avverso questo provvedimento presentava ricorso per cassazione il Ministero della Giustizia. Non svolgeva attività difensiva la parte intimata.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

1.1. Preliminarmente va osservato che non può essere accolta la richiesta del P.G. di improcedibilità del ricorso per mancata produzione dell’avviso di ricevimento prescritto dall’art. 149 c.p.c., poichè lo stesso risulta essere stato successivamente depositato.

1.2. Con l’unico motivo di ricorso il ricorrente lamenta la violazione degli artt. 738 e 739 c.p.c., assumendo che la mancata comparizione del reclamante nei procedimenti camerali non può comportare la dichiarazione di improcedibilità degli stessi.

2. Il motivo è fondato e va accolto.

La L. n. 98 del 1913, art. 158, nel testo attualmente vigente, statuisce che:

1. Le decisioni della Commissione possono essere impugnate in sede giurisdizionale, anche dalle parti intervenute ai sensi dell’art. 156 bis, comma 5, e, in ogni caso, dal procuratore della Repubblica competente per l’esercizio dell’azione disciplinare, con reclamo alla corte d’appello del distretto nel quale ha sede la Commissione, nel termine di trenta giorni dalla notificazione della decisione, a cura della parte interessata o, in difetto, nel termine di un anno dal suo deposito.

La n. 89 del 1913, art. 158 bis, statuisce che: La corte d’appello decide con sentenza in Camera di consiglio, ai sensi dell’art. 737 c.p.c., e segg., ed il dispositivo è reso pubblico mediante lettura.

La decisione è depositata nei successivi trenta giorni in cancelleria e le parti sono immediatamente avvisate dal cancelliere con biglietto di cancelleria.

Nella fattispecie la corte di appello, rilevato che il reclamante non era comparso in sede di udienza camerale, ha dichiarato il non luogo a procedere.

Tale provvedimento è errato in diritto.

Al riguardo, occorre infatti osservare come la disciplina generale dei procedimenti in camera di consiglio, dettata dal citato art. 737 c.p.c., e segg., non regoli in alcun modo – anche per quanto attiene al reclamo avverso i decreti pronunciati in primo grado, di cui all’art. 739 c.p.c. – gli effetti della mancata comparizione delle parti, l’obbligo della cui audizione ad opera del giudice in apposita udienza non è, del resto, esso stesso espressamente contemplato, ma solo implicitamente desumibile dall’esigenza di rispetto dei principio del contraddittorio, quante volte essa concretamente si ponga. Tale esigenza resta, peraltro, comunque soddisfatta allorchè le parti siano poste in condizione di esporre le loro ragioni davanti al giudice tramite un’idonea convocazione ad audiendum, indipendentemente dal fatto che esse si avvalgano o meno di tale facoltà.

Le circostanze ora esposte – unite alla duplice considerazione per cui, da un lato, i procedimenti di cui si tratta sono caratterizzati da particolare celerità e semplicità di forme; e dall’altro, una volta instaurati (di regola, per impulso di parte), essi sono in via di massima dominati, quanto all’iter di svolgimento, dall’impulso officioso – escludono dunque che il giudice del reclamo possa attribuire, sic et simpliciter, alla mancata comparizione della parte reclamante la valenza di rinuncia tacita all’impugnativa, connettendovi la sanzione processuale dell'”improcedibilità” di quest’ultima col risultato di costruire a carico del reclamante – nel totale silenzio legislativo sul punto – un onere processuale addirittura più rigoroso di quello previsto a carico dell’appellante nel processo ordinario di cognizione, dato che per l’espresso disposto dell’art. 348 c.p.c., comma 2, l’improcedibilità dell’appello si determina solo qualora l’appellante ometta di comparire, non soltanto alla prima udienza, ma anche a quella successiva cui il giudice deve rinviare la causa.

Conformemente, pertanto, a quanto già affermato da questa Corte in rapporto ad analoghe fattispecie di reclami trattati con rito camerale (Cass., 28 novembre 2002, n. 16884; Cass. 9930/2005;

284/2009; 18043/2010), si deve concludere che, nell’ipotesi di mancata comparizione delle parti, il giudice del reclamo verificata la ritualità degli atti finalizzati a consentire la comparizione stessa – debba comunque decidere sul merito della controversia.

4. Pertanto, in accoglimento del ricorso, la decisione della Corte d’appello di L’Aquila va dunque cassata ed il reclamo deve essere rimesso alla stessa Corte, in diversa composizione, la quale procederà nei sensi appena sopra indicati. Il giudice del rinvio pronuncerà anche sulle spese della presente fase.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso. Cassa il provvedimento impugnato e rinvia, anche per le spese, alla corte di appello di L’Aquila, in diversa composizione.

Così deciso in Roma, il 19 maggio 2011.

Depositato in Cancelleria il 17 giugno 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA