Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 13426 del 17/06/2011

Cassazione civile sez. VI, 17/06/2011, (ud. 13/05/2011, dep. 17/06/2011), n.13426

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE L

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BATTIMIELLO Bruno – Presidente –

Dott. STILE Paolo – rel. Consigliere –

Dott. BANDINI Gianfranco – Consigliere –

Dott. ZAPPIA Pietro – Consigliere –

Dott. MELIADO’ Giuseppe – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

D.G., elettivamente domiciliato in ROMA, presso la

CORTE DI CASSAZIONE;

– ricorrente –

contro

COMUNE DI BORGIO VEREZZI in persona del Sindaco pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA, VIALE GLORIOSO 13, presso lo

studio dell’avvocato BUSSA LIVIO che lo rappresenta e difende

unitamente agli avvocati ACQUILINO SERGIO, BUSSA ANDREA, giusta

Delib. Giunta Comunale 24 marzo 2010, n. 45 e giusta procura a

margine del controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 538/2009 della CORTE D’APPELLO di GENOVA del

3.7.09, depositata il 31/08/2009;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

13/05/2011 dal Consigliere Relatore Dott. PAOLO STILE;

udito per il controricorrente l’Avvocato Alberta Forghieri (per

delega avvocati Livio Bussa e Andrea Bussa) che si riporta agli

scritti;

E’ presente il Procuratore Generale in persona del Dott. IGNAZIO

PATRONE che nulla osserva rispetto alla relazione scritta.

Fatto

La Corte:

letta la relazione del Cons. Paolo Stile;

udite le richieste del P.M., dott. Ignazio Patrone;

esaminati gli atti, osserva:

con sentenza del 3 luglio-31 agosto 2009, la Corte di Appello di Genova rigettava il gravame proposto da D.G. avverso le pronuncia del Tribunale di Savona che aveva respinto il ricorso proposto dallo stesso D. diretto a fare accertare la illegittimità del licenziamento, intimatogli da Comune di Borgio Verezzi, con tutte le conseguenze di legge. Tale decisione è stata impugnata per cassazione dal D. con sette motivi. Resiste il Comune di Borgio Verezzi con controricorso.

Diritto

Il ricorso di D.G. risulta inammissibile, per violazione dell’art. 365 c.p.c., in quanto proposto dal D. personalmente, senza il ministero e l’assistenza di difensore e, comunque, in quanto privo di sottoscrizione da parte di “un avvocato iscritto nell’apposito albo, munito di procura speciale”.

Per quanto precede, il ricorso va dichiarato inammissibile.

Le spese del presente giudizio, liquidate come da dispositivo, seguono la soccombenza.

P.Q.M.

LA CORTE dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente alle spese di questo giudizio, liquidate in Euro 30,00 oltre Euro 1.000,00 per onorari ed oltre spese generali, IVA e CPA. Così deciso in Roma, il 3 maggio 2011.

Depositato in Cancelleria il 17 giugno 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA