Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 13416 del 01/07/2020

Cassazione civile sez. VI, 01/07/2020, (ud. 16/01/2020, dep. 01/07/2020), n.13416

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. D’ASCOLA Pasquale – Presidente –

Dott. ABETE Luigi – Consigliere –

Dott. TEDESCO Giuseppe – Consigliere –

Dott. FORTUNATO Giuseppe – rel. Consigliere –

Dott. BESSO MARCHEIS Chiara – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso iscritto al n. 9365/2019 R.G. proposto da:

P.F., rappresentato e difeso dall’avv. Ruggiero

Corvace, elettivamente domiciliato in Roma, alla Via Barnaba

Tortolini n. 30, presso l’avv. Alfredo Placidi.

– ricorrente –

contro

C.M.V. – CASINO’ MUNICIPALE DI VENEZIA, in persona del legale

rappresentante p.t..

– intimato –

e

S.M..

– intimato –

avverso la sentenza della Corte d’appello di Venezia n. 3337/2018,

depositata in data 5.12.2012;

Udita la relazione svolta nella camera di consiglio del giorno

16.1.2020 dal Consigliere Fortunato Giuseppe.

Fatto

RILEVATO

CHE:

non vi è prova del ricevimento del ricorso da parte del Casinò Municipale di Venezia;

che il giudizio, di cui è parte anche S.M. (al quale il ricorso è stato ritualmente notificato) ha carattere inscindibile ai sensi dell’art. 331 c.p.c., in relazione alla necessità che il rapporto sia definito in maniera unitaria nei confronti di ciascuna parte, dovendosi stabilire se e a quale dei resistenti, che hanno congiuntamente proposto la domanda monitoria, competa – in via alternativa – il pagamento dell’assegno posto a fondamento della domanda di ingiunzione (Cass. 3281/2006; Cass. 3692/2020).

Diritto

RITENUTO

CHE:

per la complessità delle questioni dibattute, non sussistano le condizioni di evidenza decisoria richieste dall’art. 375 c.p.c., comma 1, n. 5.

P.Q.M.

rimette la causa alla pubblica udienza, ordinando la rinnovazione della notifica del ricorso alla C.M.V. – Casinò Municipale di Venezia nel termine di gg. 90 decorrenti dalla comunicazione della presente ordinanza.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 16 gennaio 2020.

Depositato in Cancelleria il 1 luglio 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA