Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 13370 del 28/06/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. VI, 28/06/2016, (ud. 26/05/2016, dep. 28/06/2016), n.13370

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. IACOBELLIS Marcello – Presidente –

Dott. CIGNA Mario – rel. Consigliere –

Dott. IOFRIDA Giulia – Consigliere –

Dott. CRUCITTI Roberta – Consigliere –

Dott. SOLAINI Luca – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 2019-2015 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, (OMISSIS), in persona del Direttore pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e

difende ope legis;

– ricorrente –

contro

LEDIFER SRL, in persona del legale rappresentante pro tempore,

elettivamente domiciliata in ROMA, VIALE BRUNO BUOZZI 59, presso Io

studio dell’avvocato STEFANO GIORGIO, rappresentata e difesa dagli

avvocati PATRIZIO MAGGI, ENRICO PAVIA giusta procura a margine

del controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 3493/39/2014 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE di ROMA SEZIONE DISTACCATA di LATINA 17/12/2013, depositata

il 26/05/2014;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

26/05/2016 dal Consigliere Relatore Dott. MARIO CAGNA;

udito l’Avvocato ENRICO PAVIA, difensore del controricorrente, che

si riporta agli scritti.

Fatto

IN FATTO E IN DIRITTO

L’Agenzia delle Entrate ricorre, affidandosi ad un motivo, per la cassazione della sentenza con la quale la Commissione Tributaria Regionale Lazio, sez. staccata di Latina, nel rigettare l’appello dell’Ufficio, ha confermato la sentenza con cui la CTP di Frosinone aveva accolto il ricorso proposto dal contribuente avverso avviso con il quale l’Agenzia, avvalendosi del D.L. n. 331 del 1993, art. 62 sexies, comma 1, conv. in L. n. 472 del 1993 e dello studio di settore relativo all’attività di commercio all’ingrosso di articoli in ferro ed altri materiali”, aveva accertato, ai fini IRES, IRAP ed IVA, maggiori ricavi rispetto a quelli dichiarasti; la CTR, in particolare, premessi i criteri generali sull’onere della prova in caso di accertamento fondato (come nel caso di specie) sugli studi di settore, ha evidenziato che, nell’ipotesi in questione, il contraddittorio era stato espletato, ma nella motivazione dell’accertamento non ne erano stati riportati i contenuti (solo riferimenti formali).

Il contribuente resiste con controricorso.

L’unico motivo, con il quale si deduce l’omesso esame da parte della CTR di un fatto decisivo della controversia (e cioè il tenore letterale della motivazione dell’avviso impugnato), è infondato.

Il predetto fatto, invero, è stato espressamente esaminato dalla CTR, che sul punto ha ritenuto che nell’accertamento non erano stati riportati i contenuti dell’espletato contraddittorio ma solo riferimenti formali; tanto appare sufficiente, a prescindere dall’esattezza o meno di quanto affermato dalla CTR, a ritenere insussistente il denunziato vizio.

In conclusione, quindi, il ricorso va rigettato.

Le spese, liquidate come in dispositivo, seguono la soccombenza.

PQM

La Corte rigetta il ricorso; condanna l’Agenzia al pagamento delle spese del presente giudizio di legittimità, liquidate in complessivi Euro 3.000,00, oltre 15% spese forfettarie ed oltre accessori di legge.

Così deciso in Roma, il 26 maggio 2016.

Depositato in Cancelleria il 28 giugno 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA