Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 13359 del 28/06/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. II, 28/06/2016, (ud. 04/05/2016, dep. 28/06/2016), n.13359

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MATERA Lina – Presidente –

Dott. D’ASCOLA Pasquale – Consigliere –

Dott. CORRENTI Vincenzo – rel. Consigliere –

Dott. COSENTINO Antonello – Consigliere –

Dott. PICARONI Elisa – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 9842-2010 proposto da:

COOPERATIVA MURATORI LA SOLIDARIETA’ ARL, (OMISSIS), IN PERSONA

DEL LEGALE RAPP.TE P.T., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

LUIGI CAPUANA 175, presso lo studio dell’avvocato MARIO PALOMBI,

che la rappresenta e difende unitamente all’avvocato GIORGIO POLI;

– ricorrente –

contro

STUDIO NUOVE CERAMICHE DI S.L.C., (OMISSIS), IN

PERSONA DEL TITOLARE, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA A.

SERPIERI 8, presso lo studio dell’avvocato GAETANO BUSCEMI, che la

rappresenta e difende;

– controricorrente –

e contro

A.S., + ALTRI OMESSI

;

– intimati –

avverso la sentenza n. 505/2009 della CORTE D’APPELLO di MILANO,

depositata il 19/02/2009;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

04/05/2016 dal Consigliere Dott. VINCENZO CORRENTI;

udito l’Avvocato Manghi Riccardo con delega depositata in udienza

dell’Avv. Giorgio Poli difensore della ricorrente che ha chiesto

l’accoglimento delle difese esposte;

Sentito il P.M. in persona del SOST. PROC. GEN. DOTT. SERVELLO

Gianfranco, che ha confermato le conclusioni d’ufficio ed ha concluso

per l’inammissibilità del ricorso.

Fatto

FATTO E DIRITTO

La Corte, rilevato che parte ricorrente non ha provveduto al deposito dell’atto di integrazione del contraddittorio nei termini indicati con ordinanza del 22 luglio 2015, come da attestato della cancelleria del 19.1.2016.

PQM

dichiara improcedibile il ricorso e condanna il ricorrente alle spese liquidate in Euro 3200, di cui 200 per spese vive, oltre accessori.

Così deciso in Roma, il 4 maggio 2016.

Depositato in Cancelleria il 28 giugno 2016

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA