Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 13286 del 31/05/2010

Cassazione civile sez. lav., 31/05/2010, (ud. 13/05/2010, dep. 31/05/2010), n.13286

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DE LUCA Michele – Presidente –

Dott. DI CERBO Vincenzo – Consigliere –

Dott. NOBILE Vittorio – rel. Consigliere –

Dott. MAMMONE Giovanni – Consigliere –

Dott. ZAPPIA Pietro – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 28145/2006 proposto da:

POSTE ITALIANE S.P.A., in persona del legale rappresentante pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA PO 25/B, presso lo

studio dell’avvocato PESSI ROBERTO, che la rappresenta e difende,

giusta mandato a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

F.T.;

– intimata –

avverso la sentenza n. 724/2005 della CORTE D’APPELLO di POTENZA,

depositata il 21/10/2005 R.G.N. 762/04;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

13/05/2010 dal Consigliere Dott. VITTORIO NOBILE;

udito l’Avvocato MARIO MICELI;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

FINOCCHI GHERSI Renato, che ha concluso per l’inammissibilità e in

subordine il rigetto.

 

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con sentenza n. 195/2004 il Giudice del lavoro del Tribunale di Potenza rigettava la domanda proposta da F.T. nei confronti della s.p.a. Poste Italiane, con la quale la ricorrente, premesso di aver lavorato “in virtù di contratto a termine dal 16-3- 1998 al 7-12-1998”, aveva chiesto che fosse “dichiarata la nullità delle clausole di apposizione del termine”, con conseguente qualificazione a tempo indeterminato del rapporto, e che la società fosse condannata alla sua reintegra ed al pagamento delle competenze retributive maturate nel frattempo in suo favore, oltre accessori.

La F. proponeva appello avverso la detta sentenza, chiedendone la riforma con l’accoglimento della domanda introduttiva.

La s.p.a. Poste Italiane si costituiva resistendo al gravame.

La Corte d’Appello di Potenza, con sentenza pubblicata il 21-10-2005, in parziale accoglimento dell’appello, dichiarava la sussistenza di un rapporto di lavoro a tempo indeterminato tra le parti con decorrenza dal 16-3-1998 e ordinava alla società appellata la conseguente riammissione in servizio dell’appellante, compensando le spese del doppio grado tra le parti.

Per la cassazione di tale sentenza la s.p.a. Poste Italiane ha proposto ricorso con due motivi, illustrati con memoria.

La F. è rimasta intimata.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Preliminarmente osserva il Collegio che la società, nel ricorso, si limita a premettere del tutto genericamente che la stipula tra le parti era avvenuta “ai sensi dell’art. 8 ccnl 26 novembre 1994 così come integrato dall’accordo 25-9-1997”, senza specificare in alcun modo nè le date del o dei contratti nè la o le causali addotte.

Così stando le cose, abbracciando l’ampio periodo indicato nella sentenza impugnata (16-3-1998/7-12-1998) una diversa tipologia di contratti a termine rispetto ai quali, in base alla giurisprudenza consolidata di questa Corte, la data di stipula e la causale del singolo contratto assumono carattere decisivo, in mancanza di qualsiasi altra utile specificazione al riguardo, il ricorso, non può che essere dichiarato inammissibile per palese violazione del principio di autosufficienza, non essendo possibile, se non attraverso un (inammissibile) esame diretto degli atti processuali di merito, verificare la conferenza e la decisività delle censure avanzate del tutto genericamente.

Come questa Corte ha più volte affermato, infatti, “ai fini della sussistenza del requisito della “esposizione sommaria dei fatti di causa”, prescritto, a pena di inammissibilità, per il ricorso per cassazione dall’art. 366 c.p.c., comma 1, è necessario, in ossequio al principio di autosufficienza del ricorso, che in esso vengano indicati, in maniera specifica e puntuale, tutti gli elementi utili perchè il giudice di legittimità possa avere la completa cognizione dell’oggetto della controversia, dello svolgimento del processo e delle posizioni in esso assunte dalle parti, senza dover ricorrere ad altre fonti o atti del processo, ivi compresa la sentenza impugnata, così da acquisire un quadro degli elementi fondamentali in cui si colloca la decisione censurata e i motivi delle doglianze prospettate” (v. fra le altre Cass. 12-6-2008 n. 15808, 9-3-2010 n. 5660).

Il ricorso va pertanto dichiarato inammissibile.

Infine non deve provvedersi sulle spese non avendo la intimata svolto alcuna attività difensiva.

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso, nulla per le spese.

Così deciso in Roma, il 13 maggio 2010.

Depositato in Cancelleria il 31 maggio 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA