Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 13250 del 25/05/2017

Cassazione civile, sez. VI, 25/05/2017, (ud. 11/04/2017, dep.25/05/2017),  n. 13250

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CAMPANILE Pietro – Presidente –

Dott. SCALDAFERRI Andrea – Consigliere –

Dott. MARULLI Marco – Consigliere –

Dott. TERRUSI Francesco – rel. Consigliere –

Dott. FALABELLA Massimo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 254-2014 proposto da:

A.F. S.P.A. già S.R.L., – C.F. (OMISSIS), in persona del

legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in

ROMA, VIALE PARIOLI 44, presso lo studio dell’avvocato MASSIMILIANO

TERRIGNO, rappresentata e difesa dall’avvocato BIAGIO RICCIO;

– ricorrente –

contro

GIMI S.P.A. con socio unico, – P.I. (OMISSIS), in persona del legale

rappresentante ed amministratore delegato, elettivamente domiciliata

in ROMA, VIA F. CESI 30, presso lo studio dell’avvocato VALENTIINA

INFANTE, rappresentata e difesa dagli avvocati ALFONSO FIORDELISI e

MAURIZIO INFANTE;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1308/2013 della CORTE D’APPELLO di VENEZIA,

depositata il 04/06/2013;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata dell’11/04/2017 dal Consigliere Dott. FRANCESCO TERRUSI.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Rilevato che:

la A.F. s.p.a. ricorre per cassazione, con due motivi, avverso la sentenza con la quale la corte d’appello di Venezia, sez. specializzata per la proprietà industriale, ha rigettato l’appello proposto dalla stessa società nei riguardi della decisione del tribunale che ne aveva respinto la domanda, avanzata contro la Gimi s.p.a., per la nullità del brevetto per modello di utilità n. (OMISSIS) del 1993 denominato “Stendi biancheria appendibile perfezionato”;

l’intimata si è costituita con controricorso.

Considerato che:

la ricorrente ha depositato atto di rinuncia al ricorso, notificato alla controparte;

le spese possono essere compensate per giusti motivi.

PQM

 

La Corte dichiara l’estinzione del giudizio e compensa le spese processuali.

Così deciso in Roma, il 11 aprile 2017.

Depositato in Cancelleria il 25 maggio 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA