Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 13192 del 28/05/2010

Cassazione civile sez. I, 28/05/2010, (ud. 22/04/2010, dep. 28/05/2010), n.13192

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SALME’ Giuseppe – Presidente –

Dott. DI PALMA Salvatore – Consigliere –

Dott. ZANICHELLI Vittorio – Consigliere –

Dott. SCHIRO’ Stefano – Consigliere –

Dott. DIDONE Antonio – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso 13673/2008 proposto da:

K.O., elettivamente domiciliata in ROMA, PIAZZALE CLODIO

18, presso lo studio dell’avvocato BRUSA ELENA, rappresentata e

difesa dall’avvocato TRENTANI Sergio, giusta procura speciale in

calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

PREFETTURA DI MILANO, QUESTURA DI MILANO;

– intimate –

avverso il provvedimento n. 1043/07 CRON. del GIUDICE DI PACE di

MILANO del 27/02/07, depositato il 16/04/2007;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

22/04/2010 dal Consigliere Relatore Dott. ANTONIO DIDONE;

è presente il P.G. in persona del Dott. PIERFELICE PRATIS.

 

Fatto

RITENUTO IN FATTO E IN DIRITTO

Il Consigliere relatore ha depositato relazione ex art. 380 bis c.p.c., del seguente tenore: “RILEVA:

La cittadina (OMISSIS) K.O. ha proposto ricorso per cassazione avverso il provvedimento in data 16 aprile 2007 con cui il Giudice di pace di Milano ha rigettato l’opposizione dalla medesima proposta avverso il provvedimento di espulsione emesso, nei suoi confronti, dal Prefetto di Milano il 4 ottobre 2006.

Il ricorso è affidato ad un motivo di censura.

L’intimata Prefettura non ha svolto attività difensiva in questa sede.

Osserva:

Il ricorso pare inammissibile perchè il motivo di ricorso non si conclude con la formulazione di un quesito di diritto, prescritto dall’art. 366 bis cod. proc. civ. Sussistono i presupposti per la trattazione del ricorso in Camera di consiglio”.

3.- Il Collegio reputa di dovere fare proprie le conclusioni contenute nella relazione, condividendo le argomentazioni che le fondano e che conducono alla declaratoria di inammissibilità del ricorso. Inammissibilità che, per il principio costituzionale della ragionevole durata del processo, rende superflua la rinnovazione della notificazione eseguita presso l’Avvocatura Distrettuale dello Stato.

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso.

Così deciso in Roma, il 22 aprile 2010.

Depositato in Cancelleria il 28 maggio 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA