Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 13191 del 25/05/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. lav., 25/05/2017, (ud. 15/02/2017, dep.25/05/2017),  n. 13191

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. NAPOLETANO Giuseppe – Presidente –

Dott. NEGRI DELLA TORRE Paolo – rel. Consigliere –

Dott. DE GREGORIO Federico – Consigliere –

Dott. PATTI Adriano Piergiovanni – Consigliere –

Dott. LORITO Matilde – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 26241/2013 proposto da:

M.L.E. – MALPENSA LOGISTICA EUROPA S.P.A., C.F. (OMISSIS), in persona

del legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in

ROMA, VIA DELLE TRE MADONNE 8, presso lo studio degli avvocati MARCO

MARAZZA e MAURIZIO MARAZZA, che la rappresentano e difendono giusta

delega in atti;

– ricorrente –

contro

F.S., C.F. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in ROMA,

VIALE CARSO 23, presso lo studio dell’avvocato MARIA ROSARIA

DAMIZIA, rappresentato e difeso dall’avvocato GUIDO VITTORIO TRIONI,

giusta delega in atti;

– controricorrente e ricorrente incidentale –

contro

M.L.E. – MALPENSA LOGISTICA EUROPA S.P.A. C.F. (OMISSIS), in persona

del legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in

ROMA, VIA DELLE TRE MADONNE 8, presso lo studio degli avvocati MARCO

MARAZZA e MAURIZIO MARAZZA, che la rappresentano e difendono giusta

delega in atti;

– controricorrente al ricorso incidentale –

avverso la sentenza n. 65/2013 della CORTE D’APPELLO di MILANO,

depositata il 22/05/2013 r.g.n. 2165/2012;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

15/02/2017 dal Consigliere Dott. PAOLO NEGRI DELLA TORRE;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

MASTROBERARDINO Paola, che ha concluso per estinzione del ricorso

principale, inammissibilità o estinzione del ricorso incidentale.

Fatto

FATTI DI CAUSA

Con sentenza n. 65/2013, depositata il 22 maggio 2013, la Corte di appello di Milano, in parziale riforma della sentenza del Tribunale di Busto Arsizio, condannava la società M.L.E. – Malpensa Logistica Europa S.p.A. al pagamento, in favore di F.S., della somma di Euro 8.947,00 a titolo di indennità sostitutiva del preavviso, oltre accessori del credito a decorrere dal 29/12/2010, previa qualificazione del fatto interruttivo del rapporto come licenziamento (per giustificato motivo oggettivo) e accertamento della sussistenza dei requisiti legittimanti il recesso datoriale.

Ha proposto ricorso per la cassazione della sentenza la società con unico motivo; il lavoratore ha resistito con controricorso, con il quale ha proposto ricorso incidentale, affidato a cinque motivi, cui ha resistito a sua volta M.L.E. con controricorso.

Risultano depositati atti di rinuncia ad entrambi i ricorsi.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

Deve essere dichiarata l’estinzione del processo, posto che entrambe le parti, ai sensi di cui agli artt. 390 e 391 c.p.c., hanno rinunciato ai rispettivi ricorsi per cassazione. Non vi è luogo a pronuncia sulle spese del presente giudizio, avendo le parti già provveduto alla loro regolamentazione con il verbale di conciliazione in sede sindacale del 29/7/2016 (punto n. 9), prodotto unitamente all’atto di rinuncia della società.

PQM

 

la Corte dichiara l’estinzione del processo; nulla per le spese.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 15 febbraio 2017.

Depositato in Cancelleria il 25 maggio 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA