Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 13123 del 15/06/2011

Cassazione civile sez. VI, 15/06/2011, (ud. 28/04/2011, dep. 15/06/2011), n.13123

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SALME’ Giuseppe – Presidente –

Dott. SALVAGO Salvatore – Consigliere –

Dott. RORDORF Renato – Consigliere –

Dott. CECCHERINI Aldo – Consigliere –

Dott. DIDONE Antonio – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso 25401/2009 proposto da:

B.C. (OMISSIS) elettivamente domiciliato in ROMA,

VIA DEGLI SCIPIONI 132, presso lo studio dell’avvocato MORGANTI

Pietro, che lo rappresenta e difende, giusta delega a margine del

ricorso;

– ricorrente –

contro

B.A. (OMISSIS), elettivamente domiciliata in

ROMA, VIALE DEL VIGNOLA 5, presso lo studio dell’avvocato RANUZZI

Livia, che la rappresenta e difende, giusta mandato a margine del

controricorso e ricorso incidentale;

– controricorrente e ricorrente incidentale –

– ricorrenti incidentali –

avverso la sentenza n. 3116/2009 della CORTE D’APPELLO di ROMA del

18/02/2009, depositata il 22/07/2009;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

28/04/2011 dal Consigliere Relatore Dott. MASSIMO DOGLIOTTI;

udito l’Avvocato Morgani Pietro, difensore del ricorrente che si

riporta agli scritti;

è presente il P.G. in persona del Dott. IMMACOLATA ZENO che nulla

osserva.

Fatto

FATTO E DIRITTO

B.C. ha impugnato sentenza della Corte d’appello di Roma del 22/07/2009, che l’ha condannato al pagamento di assegno mensile di Euro 500,00 a favore della moglie divorziata B.A..

La B. resiste con controricorso e propone ricorso incidentale per l’elevazione dell’assegno. Vanno riuniti i ricorsi, ai sensi dell’art. 335 c.p.c..

Quanto al primo motivo del ricorso principale, è evidente l’impossibilità di comparare le risultanze del procedimento di separazione e di quello di divorzio, anche relativamente all’assegno, considerata l’autonomia dei giudizi e la differente natura e carattere dei rispettivi assegni.

Quanto agli altri due motivi, e all’unico del ricorso incidentale, il giudice valuta correttamente an e quantum dell’assegno, considerando, con motivazione adeguata, redditi e proprietà delle parti (non le condizioni di salute di entrambi), non ravvisando prova che incidesse sui redditti) per concludere che l’importo dell’assegno, assai limitato, è un contributo parziale, e non sostitutivo, correlato alle posizioni economiche delle parti, in modo che la B. possa pervenire ad un tenore di vita analogo a quello goduto durante il matrimonio.

I ricorsi, nella sostanza, introducono profili di fatto insuscettibili di valutazione in questa sede e vanno pertanto dichiarati inammissibili.

Il tenore della decisione richiede che le spese di giudizio siano compensate.

P.Q.M.

La Corte riunisce i ricorsi e li dichiara inammissibili; dichiara compensate le spese del presente giudizio di legittimità tra le parti.

Così deciso in Roma, il 28 aprile 2011.

Depositato in Cancelleria il 15 giugno 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA