Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 13122 del 24/05/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 24/05/2017, (ud. 11/04/2017, dep.24/05/2017),  n. 13122

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CAMPANILE Pietro – Presidente –

Dott. SCALDAFERRI Andrea – Consigliere –

Dott. MARULLI Marco – Consigliere –

Dott. TERRUSI Francesco – rel. Consigliere –

Dott. FALABELLA Massimo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 7677-2015 proposto da:

N.G., N.F., elettivamente domiciliati in ROMA, VIA

CRISTOFORO COLOMBO 440, presso lo studio dell’avvocato GIUSEPPE

SPAGNUOLO che li rappresenta e difende;

– ricorrenti –

contro

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA S.P.A. – C.F. (OMISSIS), in persona

del Responsabile del Reparto Settore Dipartimentale Recupero Crediti

di Napoli e legale rappresentante, elettivamente domiciliata in

ROMA, VIA DELLA BALDUINA 187, presso lo studio dell’avvocato SABINA

MARONCELLI, rappresentata e difesa dall’avvocato CATERINA ALEANO;

– controricorrente –

nonchè contro

BANCA CARIME S.P.A. – C.F. (OMISSIS), in persona del Responsabile

Funzione Sofferenze, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DI

GROTTA PERFETTA 130 presso lo studio dell’avvocato MARIA ALESSANDRA

IANNICELLI rappresentata e difesa unitamente e disgiuntamente dagli

avvocati MICHELE SARNO e STEFANIA IANNICELLI;

– controricorrente –

nonchè contro

BANCA NAZIONALE DEL LAVORO S.P.A. – C.F. e P.I. (OMISSIS), quale

conferitaria di tutte le attività e passività della già Bnl

S.p.A., in persona del legale rappresentante pro tempore,

elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DI SAN VALENTINO 21, presso

lo studio dell’avvocato FABRIZIO CARBONETTI che la rappresenta e

difende unitamente all’avvocato LUIGI ADINOLFI;

– controricorrente –

nonchè contro

BANCA DELLA CAMPANIA S.P.A.;

– intimata –

avverso la sentenza n. 34/2014 della CORTE D’APPELLO di SALERNO,

depositata il 20/01/2014;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata dell’11/04/2017 dal Consigliere Dott. TERRUSI FRANCESCO.

Fatto

RILEVATO IN FATTO

che:

F. e N.G. ricorrono per cassazione avverso la sentenza della corte d’appello di Salerno in data 20-1-2014 che ha dichiarato inammissibile per tardività il loro gravame nei confronti della sentenza di primo grado, del 2-5-2012, nonchè avverso il successivo provvedimento in data 23-2-2015 col quale la medesima corte ha dichiarato parimenti inammissibile un’istanza di rimessione in termini per la proposizione dell’appello;

deducono due motivi;

resistono con controricorso le intimate Banca nazionale del lavoro, Banca Carime e Banca Monte dei paschi di Siena;

le parti hanno depositato memoria.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che:

nei due motivi i ricorrenti rispettivamente denunziano (1) violazione e falsa applicazione degli artt. 153,115 e 116 c.p.c., quanto alla pronuncia negativa della rimessione in termini, per non avere la corte d’appello verificato la serietà e veridicità delle circostanze all’uopo allegate, riflettenti la responsabilità del difensore incaricato di impugnare la sentenza di primo grado, e per non aver preso posizione in ordine alla configurabilità del fortuito o della forza maggiore; (2) violazione e falsa applicazione dell’art. 153 c.p.c., in correlazione con gli artt. 3 e 24 Cost., in parallelo con quanto invece si ritiene in giurisprudenza consentito all’imputato nel procedimento penale;

il ricorso, funzionale a ottenere la rimessione in termini per la proposizione dell’appello, è inammissibile in ragione del giudicato formatosi sulla sentenza d’appello;

l’istanza di rimessione in termini risulta invero proposta al giudice d’appello dopo che l’appello medesimo era stato a sua volta dichiarato inammissibile con sentenza del 20-1-2014;

il ricorso per cassazione avverso la sentenza anzidetta è stato proposto in data 11-3-2015, a fronte della soggezione della controversia al termine semestrale di impugnazione ex art. 327 c.p.c.;

gli stessi ricorrenti evidenziano che la causa era stata instaurata, in primo grado, con ricorso ex art. 615 c.p.c., comma 2, in data 26-10-2009, sicchè la sentenza d’appello era soggetta al termine semestrale di impugnazione ai sensi dell’art. 327 c.p.c., come riformato dalla L. n. 69 del 2009, art. 46;

il giudicato formale non può essere aggirato mediante il ricorso avverso un distinto atto, quale innegabilmente è il provvedimento col quale giustamente, a cagione della già avvenuta pronunzia di inammissibilità dell’appello, la corte territoriale ha dichiarato inammissibile l’istanza di rimessione;

il ricorso va quindi definito con pronuncia di inammissibilità; spese alla soccombenza.

PQM

 

La Corte dichiara il ricorso inammissibile e condanna i ricorrenti, in solido, alle spese processuali, che liquida per ciascuno dei contro ricorrenti, in Euro 7.100,00, di cui Euro 100,00 per esborsi, oltre accessori e rimborso forfetario di spese generali nella percentuale di legge.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 – quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte dei, ricorrenti, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso.

Così deciso in Roma, il 11 aprile 2017.

Depositato in Cancelleria il 24 maggio 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA