Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 13107 del 14/05/2021

Cassazione civile sez. I, 14/05/2021, (ud. 22/10/2020, dep. 14/05/2021), n.13107

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VALITUTTI Antonio – Presidente –

Dott. PARISE Clotilde – Consigliere –

Dott. MARULLI Marco – rel. Consigliere –

Dott. CAIAZZO Rosario – Consigliere –

Dott. CAMPESE Eduardo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 8104/2019 proposto da:

C.S., elettivamente domiciliato in Roma presso la

cancelleria della Corte di Cassazione, rappresentato e difeso

dall’avvocato Massimo Gilardoni;

– ricorrente –

contro

Ministero dell’Interno;

– intimato –

avverso la sentenza n. 1258/2018 della CORTE D’APPELLO di BRESCIA,

depositata il 16/07/2018;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

22/10/2020 dal cons. Dott. MARCO MARULLI.

 

Fatto

FATTI DI CAUSA

1. C.S., cittadino del (OMISSIS), ricorre a questa Corte avverso l’epigrafata sentenza con la quale la Corte d’Appello di Brescia, attinta dal medesimo ai sensi del D.Lgs. 1 settembre 2011, n. 150, art. 19 e art. 702-quater c.p.c., ne ha respinto il gravame avverso il diniego in primo grado delle misure di protezione internazionale ed umanitaria e ne chiede la cassazione sul rilievo: 1) della violazione o falsa applicazione di legge in relazione al D.Lgs. 19 novembre 2007, n. 251, artt. 2, 3,4,5,6,7,14, D.Lgs. 28 gennaio 2008, n. 25, art. 8 e agli artt. 2 e 3 CEDU, per avere la Corte di appello escluso la protezione sussidiaria nel silenzio assoluto sulla situazione del Burkina Faso, nonché per aver omesso di considerare la situazione di vulnerabilità personale che discende dalla situazione nel paese di provenienza e di permanenza avuto riguardo alla Libia; 2) della violazione e/o falsa applicazione di legge in relazione al D.Lgs. n. 25 del 2008, art. 32, comma 2, per avere il Tribunale escluso la sussistenza in capo al richiedente di una condizione di vulnerabilità senza tuttavia procedere al giudizio di bilanciamento e senza in questo quadro considerare l’inserimento conseguito.

Non ha svolto attività difensiva il Ministero intimato.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

2. Il primo motivo di ricorso é inammissibile poiché inteso a sindacare la valutazione di non credibilità sotteso al giudizio sfavorevole enunciato dal decidente dl grado circa l’accesso alla misure tipiche.

La Corte d’Appello ha invero motivato l’assunto in parola ritenendo che “la valutazione di inattendibilità del portato narrativo reso dal richiedente non può che trovare qui conferma”, sottolineando in particolare le incongruenze cui il racconto del ricorrente dava luogo segnatamente in relazione alla condotta dello zio paterno, alla fuga dalla casa in cui questo lo aveva richiuso malgrado la guardia dello zio ed ancora al timore di essere perseguitato anche fuori dai confini nazionali.

A fronte di tali considerazioni va ribadito il convincimento di questa Corte circa l’incensurabilità in questa sede del giudizio espresso dal decidente in ordine alla credibilità del richiedente, posto infatti che “la valutazione in ordine alla credibilità del racconto del cittadino straniero costituisce un apprezzamento di fatto rimesso al giudice del merito, il quale deve valutare se le dichiarazioni del ricorrente siano coerenti e plausibili, del D.Lgs. n. 251 del 2007, ex art. 3, comma 5, lett. c). Tale apprezzamento di fatto é censurabile in cassazione solo ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5, come omesso esame circa un fatto decisivo per il giudizio che é stato oggetto di discussione tra le parti, come mancanza assoluta della motivazione, come motivazione apparente, come motivazione perplessa ed obiettivamente incomprensibile, dovendosi escludere la rilevanza della mera insufficienza di motivazione e l’ammissibilità della prospettazione di una diversa lettura ed interpretazione delle dichiarazioni rilasciate dal richiedente, trattandosi di censura attinente al merito” (Cass., Sez. I, 5/02/2019, n. 3340).

Poiché nella specie la motivazione adottata dal decidente é congrua ed adeguata e non é fonte perciò di alcuna anomalia costituente violazione di legge costituzionalmente rilevante, il motivo si sottrae alla sviluppata censura.

Né , per vero, può indurre a diversa conclusione la disamina afferente al D.Lgs. n. 251 del 2007, art. 14, lett. c), dovendo osservarsi che, a fronte delle obiettive carenze che affliggono il ricorso sul puto é principio affermato da questa Corte che ai fini della dimostrazione della violazione del dovere di collaborazione istruttoria gravante sul giudice di merito, non può procedersi alla mera prospettazione, in termini generici, di una situazione complessiva del Paese di origine del richiedente diversa da quella ricostruita dal giudice, sia pure sulla base del riferimento a fonti internazionali alternative o successive a quelle utilizzate dal giudice e risultanti dal provvedimento decisorio, ma occorre che la censura dia atto in modo specifico degli elementi di fatto idonei a dimostrare che il giudice di merito abbia deciso sulla base di informazioni non più attuali, dovendo la censura contenere precisi richiami, anche testuali, alle fonti alternative o successive proposte, in modo da consentire alla S.C. l’effettiva verifica circa la violazione del dovere di collaborazione istruttoria (Cass., sez. I, 21/10/2019 n. 26728).

3. Il secondo motivo di ricorso inammissibile poiché le considerazioni che vi sono svolte, impregiudicata la loro pregnanza cassatoria, concernono la decisione di primo grado e non già quella qui oggetto di ricorso.

Ne discende perciò la premessa declaratoria posto che “con il ricorso per cassazione non possono essere proposte, e vanno, quindi, dichiarate inammissibili, le censure rivolte direttamente contro la sentenza di primo grado” (Cass., Sez. IV, 21/03/2014, n. 6733).

4. Il ricorso va dunque dichiarato inammissibile.

5. Nulla spese in difetto di costituzione avversaria. Doppio contributo ove dovuto.

4. Il ricorso va dunque dichiarato inammissibile.

5. Nulla spese in difetto di costituzione avversaria. Doppio contributo ove dovuto.

PQM

Dichiara il ricorso inammissibile.

Ai sensi del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1-quater, dichiara la sussistenza dei presupposti per il versamento da parte del ricorrente, ove dovuto, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Prima Civile, il 22 ottobre 2020.

Depositato in Cancelleria il 14 maggio 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA