Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 13055 del 14/06/2011

Cassazione civile sez. lav., 14/06/2011, (ud. 03/03/2011, dep. 14/06/2011), n.13055

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BATTIMIELLO Bruno – Presidente –

Dott. STILE Paolo – Consigliere –

Dott. LA TERZA Maura – Consigliere –

Dott. CURCURUTO Filippo – Consigliere –

Dott. CURZIO Pietro – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

C.L. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in

ROMA, VIA VERBANIA 2/B, presso lo studio dell’avvocato VIOLI

ANTONIETTA, rappresentato e difeso dall’avvocato TARSIA GIUSEPPE,

giusta procura speciale in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

GIOMI SPA – GESTIONE ISTITUTI ORTOPEDICI DEL MEZZOGIORNO D’ITALIA SPA

(OMISSIS) in persona del suo legale rappresentante, elettivamente

domiciliata in ROMA, VIA ANTONIO BERTOLONI 31, presso lo Studio degli

avvocati PULSONI FABIO e RAPONE RAFFAELLA, che la rappresentano e

difendono, giusta procura speciale a margine del controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 425/2009 della CORTE D’APPELLO di REGGIO

CALABRIA del 13.3.09, depositata il 05/05/2009;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

03/03/2011 dal Consigliere Relatore Dott. PIETRO CURZIO;

udito per la controricorrente l’Avvocato Silvia Maresca (per delega

degli avvocati Fabio Pulsioni e Raffaella Rapone) che si riporta agli

scritti;

E’ presente il Procuratore Generale in persona del Dott. PATRONE

Ignazio che nulla osserva rispetto alla relazione scritta.

Fatto

FATTO E DIRITTO

C.L. chiede l’annullamento della sentenza della Corte d’Appello di Reggio Calabria, pubblicata il 5 maggio 2009, che, in riforma della sentenza impugnata, ha rigettato la sua domanda nei confronti della GIOMI spa, compensando le spese.

La società intimata si difende con controricorso.

Il ricorso è inammissibile perchè, come si è sottolineato già nella relazione, non sono stati formulati i quesiti di diritto per i motivi con i quali viene denunziata una violazione di legge (primo motivo) e di contratto collettivo (secondo motivo). Mentre nel terzo motivo, con il quale si denunzia insufficienza e contraddittorietà della motivazione, non viene specificato il “fatto” controverso e decisivo su cui verte il vizio (terzo motivo, che, in realtà, pone anch’esso un problema di violazione di legge, ancora una volta senza formulare il quesito di diritto).

Pertanto il ricorso deve essere rigettato con condanna del ricorrente al rimborso delle spese in favore della controparte.

P.Q.M.

LA CORTE rigetta il ricorso e condanna il ricorrente alla rifusione in favore della controricorrente delle spese del giudizio di legittimità, che liquida in 30,00 Euro, nonchè 3.000,00 Euro per onorari, oltre IVA, CPA e spese generali.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 3 marzo 2011.

Depositato in Cancelleria il 14 giugno 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA