Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 12993 del 24/05/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. I, 24/05/2017, (ud. 23/03/2017, dep.24/05/2017),  n. 12993

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ANIELLO Roberto – Presidente –

Dott. DI VIRGILIO Rosa Maria – Consigliere –

Dott. CRISTIANO Magda – rel. Consigliere –

Dott. FERRO Massimo – Consigliere –

Dott. MERCOLINO Guido – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 1724/2012 proposto da:

R.A., (c.f. (OMISSIS)), elettivamente domiciliato in

Roma, alla via della Giuliana 74, presso lo studio dell’avvocato

Camillo Loriedo, che lo rappresenta e difende unitamente

all’avvocato Raffaele Brigida, giusta procura a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

M.M., personalmente e nella qualità di curatore del

Fallimento (OMISSIS) S.r.l., elettivamente domiciliato in Roma, alla

via Città di Cascia 8, presso lo studio dell’avvocato Enrico

Bracco, che lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato

Francesco Santini, giusta procura a margine del controricorso;

– controricorrenti –

e contro

Eredi di S.S.;

– intimati –

avverso il provvedimento del TRIBUNALE di PORDENONE, depositato il

05/10/2011;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

23/03/2017 dal Cons. Dott. MAGDA CRISTIANO.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Rilevato:

– che il Dr. R.A., curatore del Fallimento di (OMISSIS) s.r.l. dal 25.6.90 al 30.9.94, al quale erano succeduti dapprima l’avv. S.S. e poi il Dr. M.M., ha depositato atto di rinuncia al ricorso per cassazione con il quale aveva impugnato il decreto 5.10.011 del Tribunale di Pordenone, di liquidazione del compenso;

– che la rinuncia è stata accettata dal Dr. M.M., che aveva depositato controricorso in proprio e nella qualità di curatore del Fallimento;

– che gli eredi dell’avv. S., nel frattempo deceduto, non hanno svolto difese.

PQM

 

dichiara estinto il giudizio.

Così deciso in Roma, il 23 maggio 2017.

Depositato in Cancelleria il 24 maggio 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA