Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 12988 del 24/05/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. I, 24/05/2017, (ud. 14/03/2017, dep.24/05/2017),  n. 12988

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TIRELLI Francesco – Presidente –

Dott. DOGLIOTTI Massimo – rel. Consigliere –

Dott. CAMPANILE Pietro – Consigliere –

Dott. SAMBITO Maria Giovanna C. – Consigliere –

Dott. VALITUTTI Antonio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 30088/2011 proposto da:

Roma Capitale, già Comune di Roma, in persona del Sindaco pro

tempore, elettivamente domiciliata in Roma, Via del Tempio di Giove

n. 21, presso l’avvocato Ceccarelli Americo, che la rappresenta e

difende, giusta procura a margine del ricorso;

-ricorrente –

contro

S.G., elettivamente domiciliato in Roma, Via Monte

Asolone n. 8, presso l’avvocato Verticchio Carmine, che lo

rappresenta e difende, giusta procura a margine del controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 3908/2011 della CORTE D’APPELLO di ROMA,

depositata il 26/09/2011;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

14/03/2017 dal Cons. Dott. DOGLIOTTI MASSIMO;

lette le conclusioni scritte del P.M., in persona del Sostituto

Procuratore Generale Dott. CARDINO Alberto, che chiede che Codesta

Suprema Corte voglia dichiarare inammissibile il ricorso.

Fatto

FATTO E DIRITTO

In un procedimento tra S.G. e Comune di Roma (oggi Roma Capitale), avente ad oggetto opposizione avverso l’invito al pagamento del canone di concessione per il posteggio in un mercato romano, il Tribunale di Roma, con sentenza in data 27/2/2007, accoglieva l’opposizione.

La Corte d’appello di Roma, con sentenza in data 26/09/2011, rigettava l’appello proposto dal Comune di Roma.

Ricorre per cassazione lo S..

Resiste con controricorso Roma Capitale, successore.

Il primo motivo, argomentato sotto il profilo dell’omessa motivazione su un punto decisivo della controversia (coinvolgimento di un dirigente comunale, preposto al controllo dei pagamenti e conseguente impossibilità di accertamento di una frode, ciò che avrebbe giustificato la sospensione della prescrizione del credito, ai sensi dell’art. 2941, n. 8), è palesemente inammissibile, per non autosufficienza, non essendo dato comprendere se la predetta circostanza di fatto dedotta, della quale non si tratta nella sentenza impugnata, sia stata portata a conoscenza dei giudici di merito, ed in quale atto o documento del processo ciò sia avvenuto (al riguardo, tra le altre Cass. N. 8106 del 2016).

Parimenti inammissibile il secondo motivo di ricorso, nel quale si lamenta che il Giudice a quo non abbia considerato due documenti (bollettino di pagamento contraffatto ed estratto del conto corrente postale utilizzato per il versamento del canone), dal cui confronto emergerebbe la prova del dolo del resistente, che dunque non potrebbe far valere la prescrizione del credito del Comune, operando, come si diceva, la sospensione. Il motivo non coglie la ratio della sentenza impugnata, per la quale profilo decisivo non è la prova del dolo dello S., ma la persistenza della possibilità per il comune creditore, nonostante la frode perpetrata, di accertare la persistenza del credito.

Conclusivamente il ricorso va dichiarato inammissibile.

Le spese seguono la soccombenza.

PQM

 

La Corte dichiara inammissibile il ricorso; condanna il ricorrente al pagamento delle spese del presente giudizio nella misura di Euro 1.200,00 per compensi, Euro 200,00 per esborsi, oltre spese forfettarie ed accessori di legge.

Così deciso in Roma, il 14 marzo 2017.

Depositato in Cancelleria il 24 maggio 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA