Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 12972 del 30/06/2020

Cassazione civile sez. VI, 30/06/2020, (ud. 16/01/2020, dep. 30/06/2020), n.12972

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DE STEFANO Franco – rel. Presidente –

Dott. SCRIMA Antonietta – Consigliere –

Dott. POSITANO Gabriele – Consigliere –

Dott. VALLE Cristiano – Consigliere –

Dott. PELLECCHIA Antonella – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 20106/2018 R.G. proposto da:

P.D., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA SABOTINO 46,

presso lo studio dell’avvocato CLAUDIO ROMANO, rappresentato e

difeso dall’avvocato LUCA CERIELLO;

– ricorrente –

contro

Z.F.;

– intimato –

avverso l’ordinanza della CORTE D’APPELLO di MILANO, depositata il

07/03/2018;

udita la relazione svolta nella camera di consiglio non partecipata

del 16/01/2020 dal Presidente Relatore Dott. Franco DE STEFANO.

Fatto

RILEVATO

che:

l’avv. P.D. ricorre, affidandosi ad atto notificato a mezzo p.e.c. il (Ndr: testo originale non comprensibile) almeno quattro motivi, per la cassazione dell’ordinanza di inammissibilità, ex art. 348-bis c.p.c., della (Ndr: testo originale non comprensibile) di (Ndr: testo originale non comprensibile) dell’appello proposto avverso la sentenza del (Ndr: testo originale non comprensibile) del (Ndr: testo originale non comprensibile) di (Ndr: testo originale non comprensibile), di reiezione della sua domanda di condanna di Z.F. al risarcimento dei danni derivatigli da un’opposizione, definita come proposta in termini emulativi e temerari, ad archiviazione seguita a querela per il reato p. e p. dall’art. 388 c.p., sporta per una cessione di credito da parte di Z.A. al P., oggetto di azione revocatoria vittoriosamente esperita in primo e secondo grado dallo stesso Z.;

non espleta attività difensiva l’intimato;

è stata formulata proposta di definizione – (Ndr: testo originale non comprensibile)

(Ndr: testo originale non comprensibile) – in camera di consiglio ai sensi dell’art. 380-bis c.p.c., comma 1, come modificato dal D.L. 31 agosto 2016, n. 168, art. 1-bis, comma 1, lett. e), conv. con modif. dalla L. 25 ottobre 2016, n. 197.

Diritto

CONSIDERATO

che:

dei motivi di ricorso (i primi tre rivolti direttamente contro l’ordinanza ex art. 348-bis c.p.c.: di “violazione dell’art…. 2902 c.c.” e “dell’art. 116 e 187 e 244 c.p.c., e segg.”; di “violazione dell’art. 360 c.p.c., nn. 3 e 5, in relazione agli artt. 124 c.p.”; di “violazione art. 360 c.p.c., nn. 3 e 5, in relazione agli art. 116 c.p.c., e art. 1173, e segg., art. 2043 c.c., e segg.”; il quarto consistente nella riproposizione pedissequa dei motivi di appello), è superflua la stessa illustrazione;

anche a prescindere, invero, dai seri dubbi sulla procedibilità del ricorso (poichè, pur essendo quello stato notificato a mezzo p.e.c., non si rinvengono in atti nè attestazione autografa, cioè con sottoscrizione in originale sulla stampa o copia cartacea del relativo documento, della conformità di questa all’originale informatico notificato alla controparte, nè copia notificata del provvedimento impugnato, rinvenendosene solo una copia e per di più informe), come pure da quelli di ammissibilità indotti dal raffronto tra la data di comunicazione dell’ordinanza di appello – idonea a far decorrere il termine breve di impugnazione – e quella dichiarata quale di effettivo avvio del ricorso per la notifica, il ricorso è inammissibile;

infatti, ciascuno dei primi tre motivi di ricorso si appuntano contro l’ordinanza di declaratoria di inammissibilità dell’appello, anzichè contro la sentenza di primo grado: ognuno di essi contesta l’idoneità della motivazione dell’ordinanza in punto di qualificazione di infondatezza dell’appello, ma in tal modo si infrange contro la preclusione disegnata a chiare lettere sul punto da Cass. Sez. U. 02/02/2016, n. 1914, poichè il merito della controversia è riesaminabile esclusivamente con l’impugnazione, da proporsi nei sessanta giorni dalla comunicazione, o, solo in mancanza di essa, dalla notificazione dell’ordinanza pronunciata ai sensi dell’art. 348-bis c.p.c., della sentenza di primo grado;

dal canto suo, il quarto motivo è poi inammissibile in quanto non strutturato in relazione ai motivi di cui all’art. 360 c.p.c., e precluso dall’intangibilità della sentenza di primo grado dovuta all’inammissibilità dell’impugnazione nei confronti della successiva ordinanza di appello;

ne discende quindi la declaratoria di inammissibilità del ricorso, ma non vi è luogo a provvedere sulle spese del giudizio di legittimità, per non avervi svolto attività difensiva l’intimato;

va infine dato atto – mancando ogni discrezionalità al riguardo (tra le prime: Cass. 14/03/2014, n. 5955; tra moltissime altre: Cass. Sez. U. 27/11/2015, n. 24245) – della sussistenza dei presupposti processuali per l’applicazione del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1-quater, inserito dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, art. 1, comma 17, in tema di contributo unificato eventualmente dovuto per i gradi o i giudizi di impugnazione e per il caso di reiezione integrale, in rito o nel merito.

PQM

dichiara inammissibile il ricorso.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, inserito dalla L. n. 228 del 2012, art. 1, comma 17, dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato, ove dovuto, per il ricorso, a norma del cit. art. 13, comma 1-bis.

Così deciso in Roma, il 16 gennaio 2020.

Depositato in Cancelleria il 30 giugno 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA