Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 12963 del 23/05/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 23/05/2017, (ud. 13/03/2017, dep.23/05/2017),  n. 12963

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DOGLIOTTI Massimo – Presidente –

Dott. BISOGNI Giacinto – Consigliere –

Dott. ACIERNO Maria – Consigliere –

Dott. LAMORGESE Antonio P. – rel. Consigliere –

Dott. FALABELLA Massimo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 21083/2015 proposto da:

LIBERO CONSORZIO COMUNALE – C.F. (OMISSIS), in persona del legale

rappresentante pro tempore e Commissario Straordinario,

elettivamente domiciliato in ROMA, VIA A MORDINI 14, presso lo

studio dell’avvocato SIMONA NAPOLITANI, rappresentato e difeso

dall’avvocato ALFIO FERLITO;

– ricorrente –

contro

SOCIETA’ AZZURRA COMMERCIALE S.R.L. IN LIQUIDAZIONE, ASSESSORATO

REGIONALE LC PR REGIONE SICILIANA;

– intimati –

avverso la sentenza n. 720/2015 della CORTE D’APPELLO di CATANIA,

depositata il 30/05/2014;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non

partecipata del 13/03/2017 dal Consigliere Dott. ANTONIO P.

LAMORGESE.

Fatto

RAGIONI DELLA DECISIONE

Il Libero Consorzio Comunale (già Provincia Regionale di Catania) ha proposto ricorso per cassazione avverso la sentenza n. 720 del 22-28 aprile 2015 pronunciata dalla Corte d’appello di Catania, sez. 1, nella causa iscritta al rg. n. 1928/2006 tra la Provincia Regionale di Catania e la Società Azzurra Commerciale.

La Società Azzurra Commerciale in liquidazione e l’Assessorato Regionale Infrastrutture Regione Siciliana, ai quali il ricorso è stato notificato, non si sono costituiti.

Il ricorso è improcedibile, a norma dell’art. 369 c.p.c., comma 2, n. 2: non risulta depositata copia autentica della sentenza impugnata dal ricorrente, risultando invece depositata nel fascicolo d’ufficio una sentenza diversa e non pertinente della Corte d’appello di Catania, sez. Lavoro, emessa in data 8-30 maggio 2014 nella causa, iscritta al rg. n. 916/2012, tra la Provincia Regionale di Catania e P.G. e altri.

PQM

 

La Corte dichiara il ricorso improcedibile.

Doppio contributo a carico del ricorrente, come per legge.

Così deciso in Roma, il 13 marzo 2017.

Depositato in Cancelleria il 23 maggio 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA