Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 12943 del 22/06/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. VI, 22/06/2016, (ud. 12/05/2016, dep. 22/06/2016), n.12943

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. IACOBELLIS Marcello – Presidente –

Dott. CARACCIOLO Giuseppe – Consigliere –

Dott. CIGNA Mario – rel. Consigliere –

Dott. IOFRIDA Giulia – Consigliere –

Dott. CRUCITTI Roberta – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 5217-2015 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, (OMISSIS), in persona del Direttore pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e

difende ope legis;

– ricorrente –

contro

L.L., C.F. (OMISSIS), elettivamente domiciliato

in ROMA, VIA TUSCOLANA 4, presso lo studio dell’avvocato MARCO

PEPE, che lo rappresenta e difende giusta procura a margine del

ricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 3747/2014 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE SEZIONE DISTACCATA di BRESCIA del 05/05/2014, depositata il

08/07/2014;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

12/05/2016 dal Consigliere Dott. MARIO CIGNA;

udito l’Avvocato MARCO PEPE difensore del controricorrente che si

riporta agli scritti.

Fatto

IN FATTO E IN DIRITTO

L’Agenzia delle Entrate ricorre, affidandosi ad un motivo, per la cassazione della sentenza con la quale la Commissione Tributaria Regionale ha dichiarato inammissibile l’appello proposto dall’Ufficio avverso la sentenza di primo grado che aveva accolto il ricorso presentato dal contribuente avverso avviso con il quale l’Agenzia aveva accertato per l’anno 2006, a fronte di una perdita dichiarata di Euro 54.000,00, un reddito pari ad Euro 14.332,00.

Il contribuente resiste con controricorso.

Il motivo è fondato.

La lite in questione rientra tra quelle definibili, essendo di importo inferiore ad Euro 20.000,00, con conseguente sospensione –

D.L. n. 98 del 2011, ex art. 39, comma 12, lett. c – dei termini per impugnare dal 6-7-2011 al 30-6-2012.

Ai sensi del combinato disposto del D.L. n. 98 del 2011, art. 39, comma 12, e L. n. 289 del 2002, art. 16 per valore della lite deve, invero, intendersi “l’importo dell’imposta che ha formato oggetto di contestazione in primo grado, al netto degli interessi, delle indennità di mora e delle eventuali sanzioni collegate al tributo”;

nel caso in questione, in cui si è proceduto a rettificare una dichiarata perdita in un reddito imponibile, la contestazione ha avuto ad oggetto una maggiore IRPEF di Euro 3.319,00, oltre add. reg.

per 171,98 e add. comunale per Euro 15,00 (circostanza pacifica).

Attesa la definibilità della lite e la conseguente operatività di detta sospensione, erroneamente la CTR ha dichiarato inammissibile l’appello, notificato il 28-6-2012, avverso la sentenza di primo grado depositata il 12-9-2011.

Alla luce di tali considerazioni, pertanto, in accoglimento del ricorso, va cassata l’impugnata sentenza, con rinvio per nuova valutazione alla CTR Campania, diversa composizione, che provvederà anche alla regolamentazione delle spese del presente giudizio di legittimità.

PQM

La Corte accoglie il ricorso; cassa l’impugnata sentenza, con rinvio alla CTR Campania, diversa composizione, che provvederà anche alla regolamentazione delle spese del presente giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, il 12 maggio 2016.

Depositato in Cancelleria il 22 giugno 2016

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA