Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 12941 del 13/06/2011

Cassazione civile sez. I, 13/06/2011, (ud. 25/05/2011, dep. 13/06/2011), n.12941

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SALME’ Giuseppe – Presidente –

Dott. DI PALMA Salvatore – rel. Consigliere –

Dott. ZANICHELLI Vittorio – Consigliere –

Dott. SCHIRO’ Stefano – Consigliere –

Dott. DIDONE Antonio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 31473/2007 proposto da:

A.M., elettivamente domiciliato in ROMA, LUNGOTEVERE DEI

MELLTMT 44, presso lo studio dell’avvocato MILETO Salvatore, che lo

rappresenta e difende unitamente all’avvocato TROPIANO IMMACOLATA,

giusta procura speciale in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

QUESTURA di BOLOGNA;

– intimata –

avverso il decreto n. 177/07 R.G.V.G. della CORTE D’APPELLO di

BOLOGNA del 4/05/07, depositata il 28/06/2007;

udita la relazione della causa svolta nella Pubblica udienza del

25/05/2011 dal Consigliere Relatore Dott. SALVATORE DI PALMA;

è presente il P.G. in persona del Dott. ROSARIO GIOVANNI RUSSO che

ha concluso per il rigetto del ricorso.

Fatto

RITENUTO IN FATTO

che A.M., cittadino (OMISSIS), con ricorso del 30 novembre 2007, ha proposto ricorso per cassazione – deducendo due motivi di censura -, nei confronti del Questore di Bologna, avverso il decreto della Corte d’Appello di Bologna in data 28 giugno 2007, con il quale la Corte ha dichiarato inammissibile il ricorso per reclamo dell’ A. avverso il decreto del Tribunale di Bologna in data 13-17 luglio 2007, con il quale era stato respinto il ricorso dello stesso A. contro il provvedimento del Questore di Bologna, di diniego del permesso di soggiorno per motivi familiari;

che il Questore di Bologna, benchè ritualmente intimato, non si è costituito nè ha svolto attività difensiva;

che i Giudici a quibus hanno dichiarato inammissibile il ricorso per reclamo, affermando che, in caso di impugnazione del diniego di rilascio del nulla osta al ricongiungimento familiare, la legittimazione passiva spetta esclusivamente al ministro dell’interno e richiamando, al riguardo, la sentenza della Corte di cassazione n. 6938 del 2004.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che, con i due motivi di censura, il ricorrente critica il decreto impugnato, sostenendo: a) in via principale, che, poichè il questore è l’organo esclusivamente competente a ricevere le domande di rinnovo del permesso di soggiorno per motivi familiari ed a provvedere su di esse, non è comprensibile per quali ragioni tale organo sia privo di legittimazione passiva; b) in subordine, che, poichè il Questore di Bologna si è costituito con il patrocinio dell’Avvocatura distrettuale dello Stato sia nel giudizio dinanzi al Tribunale, sia nel giudizio dinanzi alla Corte d’Appello, senza eccepire alcunchè in ordine al proprio difetto di legittimazione passiva, avrebbe dovuto essere applicato, nelle forme più opportune, la L. 25 marzo 1958, n. 260, art. 4;

che il ricorso merita accoglimento, quanto alla censura sub b);

che, infatti – premesso che, in riferimento al primo motivo (censura sub a), costituisce orientamento costante di questa Corte, condiviso dal Collegio, quello secondo cui nel giudizio per cassazione avverso il provvedimento reso in sede di reclamo nelle controversie aventi ad oggetto i provvedimenti del questore in materia di ricongiungimento familiare, la legittimazione processuale compete in via esclusiva al ministro dell’interno e non anche al questore (cfr., ex plurimis, le sentenze nn. 11325 e 6938 del 2004, 2793 e 2751 del 2002) -, quanto al secondo motivo (censura sub b), questa Corte ha affermato il principio, secondo cui, ai sensi delle disposizioni contenute nella L. n. 260 del 1958, nell’ipotesi di procedimenti promossi da parte di privati nei confronti della pubblica amministrazione, l’inosservanza dell’onere di individuare l’amministrazione competente e l’organo che per legge la rappresenta in giudizio non comporta la nullità del processo ma una semplice irregolarità che resta sanata se non dedotta dall’Avvocatura dello Stato entro la prima udienza (tale principio è stato affermato in un caso in cui il ricorso per cassazione, avverso ordinanza di convalida del decreto del questore di trattenimento di cittadino straniero in centro di permanenza, è stato proposto nei confronti del Questore di Roma, organo periferico del Ministero dell’Interno, e non nei confronti di tale amministrazione in persona del ministro competente) (cfr., ex plurimis, le sentenze nn. 16031 del 2001 e 3117 del 2006, pronunciata a sezioni unite);

che, nella specie, risulta dal decreto impugnato che il Questore di Bologna, costituitosi (quantomeno) dinanzi alla Corte bolognese per mezzo dell’Avvocatura distrettuale dello Stato non ha eccepito alcunchè in ordine alla propria legittimazione a stare in giudizio, sicchè la conseguente predetta irregolarità – di cui al richiamato principio di diritto – deve intendersi sanata;

che, pertanto il decreto impugnato deve essere annullato in relazione alla censura accolta, restando assorbita la prima, e la causa deve essere rinviata alla stessa Corte d’Appello di Bologna, in diversa composizione, la quale dovrà decidere la causa nel merito e provvedere altresì in ordine alle spese del presente grado del giudizio.

P.Q.M.

Accoglie il secondo motivo del ricorso, assorbito il primo, cassa il decreto impugnato e rinvia, anche per le spese, alla Corte d’Appello di Bologna, in diversa composizione.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Struttura centralizzata per l’esame preliminare dei ricorsi civili, il 25 maggio 2011.

Depositato in Cancelleria il 13 giugno 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA