Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 12930 del 22/06/2016

Cassazione civile sez. VI, 22/06/2016, (ud. 25/05/2016, dep. 22/06/2016), n.12930

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. IACOBELLIS Marcello – Presidente –

Dott. CIGNA Mario – rel. Consigliere –

Dott. IOFRIDA Giulia – Consigliere –

Dott. CRUCITTI Roberta – Consigliere –

Dott. CONTI Roberto Giovanni – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 10824/2015 proposto da:

M.V., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA G. NICOTERA

29, presso lo studio dell’avvocato ANDREA MICCICHE’, rappresentato

e difeso dall’avvocato CLAUDIO MAGGIOLO giusta procura a margine

del ricorso;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE (OMISSIS), in persona del Direttore pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresentata e

difende ope legis;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1608/7/2014 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE di VENEZIA del 30/09/2014, depositata il 20/10/2014;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

25/05/2016 dal Consigliere Relatore Dott. MARIO CIGNA.

Fatto

IN FATTO E IN DIRITTO

Il contribuente ricorre, affidandosi a due motivi, per la cassazione della sentenza con la quale la Commissione Tributaria Regionale, in accoglimento dell’appello dell’Ufficio ed in riforma della decisione di primo grado, ha dichiarato legittimo l’impugnato avviso di accertamento relativo ad IRPEF 2006; la CTR, in particolare, ha evidenziato: che il ricorrente aveva ammesso e non contestato di avere percepito la somma illecita oggetto della pretesa impositiva;

che la pratica, per la definizione della quale era stata corrisposta la somma, risultava chiusa con atto di adesione del marzo 2016; che le dichiarazioni rese in sede di interrogatorio all’A.G. da tal B.G. erano assolutamente generiche e non riferibile alla somma in questione.

L’Agenzia delle Entrate resiste con controricorso.

Entrambi i motivi, con i quali il ricorrente si duole che la CTR abbia posto alla base della decisione un fatto non provato (primo motivo) ed inidoneo ad integrare una presunzione (secondo motivo), sono inammissibili in quanto con gli stessi si tende, sub specie di violazione di legge (rispettivamente art. 115 c.p.c. e art. 2727 c.c.), ad una nuova valutazione del fatto storico (percepimento della predetta somma nel 2005), espressamente preso in considerazione dalla CTR (v. riferimento all’atto di adesione del marzo 2016).

Alla luce di tali considerazioni, pertanto, il ricorso va rigettato.

Le spese del presente giudizio di legittimità, liquidate come in dispositivo, seguono la soccombenza.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, si dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso principale, a norma del cit. art. 13, comma 1 bis.

PQM

La Corte rigetta il ricorso; condanna il ricorrente al pagamento delle spese del presente giudizio di legittimità, che si liquidano in complessivi Euro 1.500,00, oltre spese prenotate a debito ed accessori di legge; dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso principale.

Così deciso in Roma, il 25 maggio 2016.

Depositato in Cancelleria il 22 giugno 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA