Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 12926 del 13/06/2011

Cassazione civile sez. II, 13/06/2011, (ud. 13/05/2011, dep. 13/06/2011), n.12926

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PETITTI Stefano – Presidente –

Dott. PARZIALE Ippolisto – Consigliere –

Dott. D’ASCOLA Pasquale – Consigliere –

Dott. SAN GIORGIO Maria Rosaria – Consigliere –

Dott. CARRATO Aldo – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

L.C.P. (C.F.: (OMISSIS)) e L.C.B.

(C.F.: (OMISSIS)), rappresentati e difesi, in virtù di

procura speciale in calce al ricorso, dall’Avv. ROCCELLA Michele e

domiciliati “ex lege” presso la Cancelleria della Corte di

cassazione;

– ricorrenti –

contro

S.A.;

– intimato –

per la cassazione della sentenza della Corte di appello di Palermo n.

650/2009, depositata il 17 aprile 2009 (e non notificata).

Udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

13 maggio 2011 dal Consigliere relatore Dott. Aldo Carrato;

Sentito il Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore

Generale Dott. VELARDI Maurizio, che ha concluso per l’estinzione del

giudizio a seguito di rinuncia al ricorso.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Rilevato che il consigliere designato aveva depositato, in data 2 marzo 2011, la proposta di definizione, ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c., nel senso della possibile declaratoria di inammissibilità del ricorso;

Preso atto che il difensore dei ricorrenti, in data 12 maggio 2011, ha depositato, ai sensi dell’art. 390 c.p.c., atto di rinuncia al ricorso debitamente sottoscritto dalle parti personalmente e dallo stesso difensore, ragion per cui, nella mancata costituzione dell’intimata, occorre pervenire alla declaratoria di estinzione del presente processo, senza alcuna pronuncia sulle spese della presente fase.

P.Q.M.

La Corte dichiara estinto il presente giudizio.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Seconda Civile della Corte Suprema di Cassazione, il 13 maggio 2011.

Depositato in Cancelleria il 13 giugno 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA